Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Marzo 5, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

NOTIZIE DA OLTRE-CORTINA – 14

NOTIZIE DA OLTRE-CORTINA – 14

.

https://t.me/intelslava/54574

Macelleria varia a Gaza.

Diventa sempre più evidente come la situazione militare sul terreno stia diventando di stallo.

Questo va bene al governo israeliano che ha bisogno di una situazione di guerra permanente per restare al potere.

Vedansi anche le dichiarazioni di Netanyahu sui cosiddetti scopi della guerra…

.

https://t.me/rybar_in_english/10038

Gli Israeliani hanno distrutto il Castello del Pascià, o Castello di Napoleone a Gaza.

Era la sede del Museo Archeologico di Gaza ed era stato appena restaurato con un finanziamento tedesco.

Barbari…

.

Nel frattempo la rotta marittima del Capo di Buona Speranza diventa di nuovo importante, come lo è stata per quasi dieci anni dopo la guerra dei sei giorni nel ’67.

Chi scrive ha già ricevuto telefonate di fornitori industriali che avvisano che i tempi di consegna ed i prezzi dovranno essere rivisti a causa degli incrementi dei noli marittimi.

https://www.rt.com/news/590371-houthis-complex-missile-attack/

Gli Houthi lanciano un attacco missilistico “complesso”

La Marina degli Stati Uniti ha abbattuto una raffica di proiettili in arrivo durante l’ultimo incidente

Gli Houthi yemeniti hanno sparato dozzine di missili e droni verso le rotte marittime del Mar Rosso in uno dei più grandi attacchi del gruppo fino ad oggi. Il Pentagono ha definito l’offensiva un’operazione “complessa”, ma ha affermato di aver respinto gli attacchi.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), che sovrintende alle operazioni in Medio Oriente e Asia centrale, ha annunciato il tentativo di attacco martedì, affermando che diversi missili antinave e droni sono stati lanciati “dalle aree controllate dagli Houthi dello Yemen nel Mar Rosso meridionale”.

Diciotto droni d’attacco unidirezionali, due missili da crociera e un missile balistico sono stati abbattuti dagli F-18 americani e da un certo numero di navi da guerra statunitensi e britanniche di base nella regione, ha continuato il CENTCOM, aggiungendo che “non sono stati segnalati feriti o danni”.

.

A margine di questa notizia ve ne è un’altra che, se dovesse essere vera e ha tutta l’aria di esserlo, indica come gli arsenali occidentali siano obsoleti rispetto alle nuove forme di combattimento basate su vere e proprie raffiche a mitragliera di droni e di missili “intelligenti e low-cost”.

L’anno scorso si è scoperto come i carri armati siano diventati principalmente degli ottimi bersagli, ora si scopre come lo stesso si debba applicare anche alle grandi navi da guerra nei mari dello Yemen.

https://t.me/YediotNewsChat/5331

Gli Houthi hanno sopraffatto le difese aeree statunitensi nel Mar Rosso.

La nave britannica HMS Diamond è dovuta intervenire per far fronte alla raffica di missili e droni degli Houthi.

Sembra che i missili antiaerei delle navi da guerra americane siano esauriti.

.

E nel frattempo Vladimiro gongola…

USA e UE sempre più isolati, in crisi ed isterici.

https://t.me/AussieCossack/12288

Vladimir Putin: la Russia è “strangolata e pressata da tutte le parti” ma ha superato la Germania ed è diventata la prima economia in Europa e la quinta nel mondo.

Ha anche affermato che è possibile che la crescita del PIL russo alla fine dell’anno sia superiore al 4%.

.

Mentre quel personaggio assurdo che la maggioranza degli Israeliani si è scelta come capo mente (tanto per cambiare) sapendo di mentire.

Tra parentesi, l’ex-leader laburista inglese, Jeremy Corbin, si unirà alla delegazione sudafricana per le udienze di questa settimana all’Aia e il Ministero della Giustizia ha affermato che lui sarà presente in quanto è una delle “figure politiche di alto livello provenienti da movimenti progressisti di tutto il momdo” che hanno titolo di partecipare.

https://www.rt.com/news/590427-netanyahu-clarifies-gaza-aims/

NETANYAHU DICHIARA GLI OBIETTIVI DELLA GUERRA A GAZA

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha insistito che il suo paese non ha piani per un’occupazione a lungo termine di Gaza e non cerca di deportare i civili.

Lo Stato ebraico affronta una crescente pressione, comprese le accuse di “genocidio” da parte del Sudafrica.

Mercoledì sera Netanyahu ha cercato di chiarire diversi punti, sostenendo che le operazioni dell’esercito Israeliano non hanno preso di mira i non combattenti a Gaza e si concentrano esclusivamente sui combattenti di Hamas.

“Israele non ha alcuna intenzione di occupare Gaza in modo permanente o di deportare la sua popolazione civile. Israele sta combattendo i terroristi di Hamas, non la popolazione palestinese, e lo stiamo facendo nel pieno rispetto del diritto internazionale”, ha detto il primo ministro.

Ha aggiunto che le truppe israeliane stavano facendo del loro “meglio” per evitare la morte di civili (sic), mentre Hamas usava gli astanti come “scudi umani”.

Netanyahu ha continuato dicendo che gli obiettivi principali di Israele erano “liberare Gaza dai terroristi di Hamas e liberare i nostri ostaggi”, dopodiché l’enclave sarebbe stata “smilitarizzata e deradicalizzata”. Tuttavia, il leader non ha approfondito quanto questo comporterebbe.

La dichiarazione arriva mentre Israele si appresta ad affrontare le accuse di genocidio davanti alla Corte Internazionale di Giustizia in una causa intentata dal Sudafrica, che è diventato profondamente critico nei confronti dell’assalto di Gaza.

La Corte terrà una sessione alla fine di questa settimana per determinare se Israele ha violato la Convenzione sul genocidio del 1948, un accordo che vieta qualsiasi “atto commesso con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

Pretoria ha chiesto una sentenza di emergenza che chieda di fermare la campagna militare a Gaza, mentre il presidente Cyril Ramaphosa ha affermato che il caso è stato avviato a causa del “massacro in corso” di civili palestinesi.

Anche il portavoce del governo israeliano Eylon Levy è intervenuto sul procedimento, respingendo l’accusa di genocidio come esempio di “diffamazione del sangue” antisemita e accusando il Sudafrica di fornire “copertura politica e legale al regime stupratore di Hamas”.

Il Sudafrica non è stato il solo a criticare l’ultima operazione dell’IDF, con un certo numero di organizzazioni per i diritti umani, tra cui le Nazioni Unite, che hanno anche avvertito di una terribile crisi umanitaria a causa dei bombardamenti e del blocco israeliano.

Durante una conferenza stampa la scorsa settimana, il capo umanitario delle Nazioni Unite Martin Griffiths ha detto che Gaza è stata lasciata in rovina sotto gli attacchi aerei e i bombardamenti dell’IDF, osservando che la popolazione dell’enclave di 2,3 milioni di persone affronta “minacce quotidiane alla loro stessa esistenza”. Ha descritto Gaza come “inabitabile” dopo tre mesi di guerra, e ha avvertito di un’incombente carestia e di un’emergenza sanitaria pubblica in mezzo all’estrema carenza di beni chiave.

.

Non tutti gli Israeliani sono dei fanatici integralisti senza remissione, alcuni sono letteralmente angosciati da quello che vedono essere diventato il loro paese.

Il quotidiano laburista Haaretz è il portavoce di questa angoscia, anche se in modo a dir poco contradditorio, e ne riportiamo alcune prese di posizione.

https://www.haaretz.com/opinion/2024-01-03/ty-article-opinion/.premium/the-road-to-the-hague-is-paved-with-israeli-calls-for-genocide-of-gazans/0000018c-d0a6-daf6-a5df-d7fe5abe0000?utm_source=mailchimp&utm_medium=email&utm_content=author-alert&utm_campaign=Uri%20Misgav&utm_term=20240103-23:51

Nessuno ha idea di quale sarà l’immagine del “giorno dopo” a Gaza. Il governo e l’uomo che lo presiede si sono rifiutati per tre mesi di affrontare l’argomento. E’ più facile immaginare il giorno dopo per Israele: saremo più simili ai lebbrosi, odiati e perseguitati che mai.

Gli israeliani ora vivono in un film, una bolla sigillata progettata dal corrispondente militare di Channel 12 Nir Dvori e dal portavoce dell’IDF Daniel Hagari. Non hanno idea di quello che abbiamo lasciato a Gaza e di quello che si dice di noi nel mondo. I comandanti e i soldati che combattono a Gaza parlano di una distruzione senza precedenti. Della totale mancanza di ritegno che avevano conosciuto in passato.

Di una situazione in cui quando finalmente identificano un raro terrorista che emerge dal sottosuolo e fugge verso casa, semplicemente abbattono l’edificio con l’aiuto dell’aviazione. Dopo che ce ne saremo andati, mi ha detto uno di loro, non ci servirà a nulla mostrare le foto del massacro di Be’eri. Il corrispondente senior del Wall Street Journal Yaroslav Trofimov ha detto questa settimana: “La parola ‘Gaza’ sarà ricordata negli annali della storia come la parola ‘Dresda’”.

La fattura verrà inviata. È una questione puramente strategica, che va al di là delle questioni morali ed etiche (che dovrebbero trovare spazio anche in una società avanzata, liberale e amante della vita). Ma anche a livello di puro interesse israeliano, sembra che nessuno nell’enormità politica o militare sia abbastanza saggio e coraggioso da vedere se anche questo problema viene pesato sulla bilancia.

A questo proposito, è molto ironico che la prima denuncia presentata contro Israele alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia sia stata presentata dal Sudafrica; Ricordano ancora com’era essere una potenza regionale e persino nucleare, ricca e fiorente rispetto ai suoi vicini falliti, ma ancora lebbrosa e isolata.

.

https://www.haaretz.com/opinion/2024-01-10/ty-article-opinion/.premium/why-do-israelis-accept-this-catastrophic-situation/0000018c-f4e6-dd68-a3cf-f6eec4d70000?utm_source=mailchimp&utm_medium=email&utm_content=author-alert&utm_campaign=Uri%20Misgav&utm_term=20240110-23:50

Perché gli israeliani accettano questa situazione catastrofica?

Ciao ai genitori dei soldati che combattono, vengono feriti e muoiono nel sud e nel nord. E ciao alle famiglie degli ostaggi che languono e vengono torturati a Gaza.

Ho una domanda per gli israeliani: essere israeliani significa essere dei babbei? Essere stupidi? Essere impotenti? Credete davvero che ci sia qualche possibilità di vincere in qualche modo finché questo leader del tutto privo di scrupoli e fallito, che ci ha portato il peggior disastro nella storia del paese, rimane al timone?

Sono passati quasi 100 giorni di non-grazia dalla catastrofe e la nostra situazione non ha fatto che peggiorare. Sei davvero pronto ad andare avanti così?

.

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-13/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-12/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-11/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-10/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-09/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-08/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-07/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-06/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-05/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-04/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-03/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-02/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-01/

Submit a Comment