Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Marzo 5, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

NOTIZIE DA OLTRE-CORTINA – 05

NOTIZIE DA OLTRE-CORTINA – 05

.

https://t.me/rybar_in_english/8679

Situazione a Gaza la mattina del 22 novembre, come diffusa dal sistema mediatico russo.

Una panoramica di informazione così completa sul MinCulPop mediatico nostrano, tutto dedicato a diffondere commenti faziosi e ad indurre emozioni, ce la sogniamo.

.

https://t.me/rybar_in_english/8676

Filmato diffuso da Hamas sui combattimenti di Gaza in stile El Alamein / Ortona.

.

https://t.me/channelredline/15025

Altri filmati di macelleria a Gaza…

Le tattiche delle forze di resistenza palestinese, così come la loro efficienza, meritano attenzione.

I combattenti spesso sbucano a distanza ravvicinata e il loro movimento si realizza principalmente attraverso una vasta rete di tunnel sotterranei con numerosi depositi di munizioni attrezzati in anticipo dal Movimento di Hamas.

.

https://t.me/channelredline/15067

Situazione sul terreno a Gaza la sera del 22 novembre.

.

https://sputnikglobe.com/20231123/scott-ritter-hamas-winning-battle-for-gaza-1115160045.html

L’USAmericano William Scott Ritter è un ex-ufficiale dei Marines.

È noto per il suo ruolo a capo degli ispettori delle Nazioni Unite in Iraq dal 1991 al 1998 ed in seguito per le sue prese di posizione critiche nei confronti delle politiche degli Stati Uniti in Medio oriente.

Scott Ritter: Hamas sta vincendo la battaglia per Gaza.

Il cessate il fuoco, negoziato tra Israele e Hamas dal Qatar, è stato concordato di comune accordo tra le due parti, nessuno si lasci ingannare nel pensare che questa sia stata qualcosa di meno che una vittoria per Hamas: Israele aveva assunto una posizione molto aggressiva dichiarando che, dato il suo obiettivo di distruggere Hamas come organizzazione, non avrebbe accettato un cessate il fuoco a nessuna condizione.

Israele era fiducioso che l’operazione offensiva in cui si era lanciato nord di Gaza avrebbe neutralizzato Hamas come minaccia militare, e che qualsiasi cessate il fuoco, indipendentemente dalla giustificazione umanitaria, avrebbe solo fatto guadagnare tempo a un nemico sconfitto di Hamas per riposare, riorganizzarsi e riorganizzarsi.

Il fatto che Israele abbia firmato un cessate il fuoco è il segno più sicuro che non tutto va bene con l’offensiva israeliana contro Hamas.

Quando Hamas ha lanciato il suo attacco il 7 ottobre contro Israele, ha avviato un piano in preparazione da anni e la sua azione ha rappresentato più di una solida pianificazione ed esecuzione tattica e operativa: è stata anche un capolavoro di concezione strategica.

L’attacco del 7 ottobre è stato progettato per umiliare Israele fino all’irrazionalità, per garantire che qualsiasi risposta israeliana sarebbe stata governata dal bisogno emotivo di vendetta, in contrapposizione a una risposta razionale.

Infliggendo un’umiliante sconfitta a Israele che ha infranto sia il mito dell’invincibilità israeliana (per quanto riguarda le Forze di Difesa Israeliane) che dell’infallibilità (per quanto riguarda l’intelligence israeliana).

Hamas sa che non può ingaggiare Israele in un classico scontro forza contro forza. Invece, l’obiettivo era quello di attirare le forze israeliane a Gaza, e poi sottoporre queste forze a una serie infinita di attacchi mordi e fuggi da parte di piccole squadre di combattenti di Hamas che sarebbero emersi dai loro covi sotterranei, avrebbero attaccato una forza israeliana vulnerabile e poi sarebbero scomparsi di nuovo sottoterra.

Israele è reticente nel comunicare le cifre dei veicoli corazzati persi in questo modo, Hamas afferma che il numero è nell’ordine delle centinaia.

Le affermazioni di Hamas sono rafforzate dal fatto che Israele ha interrotto la vendita di vecchi carri armati Merkava 3, e ha invece organizzato il proprio inventario di questi veicoli in nuovi battaglioni corazzati di riserva per compensare le pesanti perdite subite sia a Gaza che lungo il confine settentrionale con il Libano.

La reazione grossolana e eccessiva di Israele ha rivoltato l’opinione pubblica mondiale contro di esso, qualcosa su cui Hamas contava.

Oggi, Israele è sempre più isolato, perdendo sostegno non solo nel cosiddetto Sud del mondo, ma anche nelle tradizionali roccaforti del sentimento filo-israeliano negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa.

Questo isolamento, combinato con il tipo di pressione politica che Israele non è abituato a ricevere, ha contribuito all’acquiescenza del governo Netanyahu riguardo al cessate il fuoco e al successivo scambio di prigionieri.

Avendo dichiarato che la vittoria può essere ottenuta solo con la sconfitta totale di Hamas, gli Israeliani hanno preparato il terreno per una sua vittoria che Hamas ottiene semplicemente sopravvivendo.

Ma Hamas sta facendo molto di più che sopravvivere, sta vincendo.

Lungi dall’essere eliminato come forza militare e politica, Hamas è emerso come forse la voce e l’autorità più rilevante quando si tratta di difendere gli interessi del popolo palestinese.

.

https://t.me/AussieCossack/11140

Le truppe russe stanno scoprendo sempre più donne tra i caduti dell’esercito ucraino.

.

https://t.me/antinatocoalition/13886

Il numero di persone uccise nella Striscia di Gaza dall’inizio del conflitto ha raggiunto le 14.532 persone, tra cui oltre 6.000 bambini, ha annunciato il Centro di informazione di Gaza, secondo quanto riportato da “RIA Novosti”.

.

https://www.rt.com/news/587732-cargo-ship-hijacked-red-sea/

Di Abbas Juma, giornalista internazionale, commentatore politico, specialista del Medio Oriente e dell’Africa.

Miliardari israeliani, vendetta del Mossad e degli Houthi: perché una nave cargo è stata sequestrata nel Mar Rosso?

Chi è Rami Ungar – il miliardario la cui nave è stata recentemente dirottata – e cosa ha a che fare con lui l’intelligence israeliana?

Abraham “Rami” Ungar è nato a nord di Tel Aviv nel 1947.

È stato educato nel Regno Unito, ha prestato servizio nel Signal Corps delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) e poi ha studiato legge all’Università di Oxford.

È stato l’importatore di automobili Autobianchi e Lancia in Israele.

Attualmente la sua azienda, la Ray Shipping LTD, possiede dozzine di navi portacontainers e oltre 1.000 ufficiali e tecnici, principalmente bulgari, lavorano per lui.

È molto amico dell’attuale ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ed è legato al Mossad: è stato coinvolto in una storia molto discussa riguardante l’organizzazione di difesa anti-iraniana “United Against Nuclear Iran”, di cui il New York Times si è occupato nel 2014.

Ungar ha agito come intermediario, ha contattato le aziende che hanno collaborato con l’Iran e le ha “persuase” a rinunciare ai legami commerciali con Teheran, però alcuni suppongono che il suo compito principale fosse quello di reclutare i leader delle aziende con attività in Iran.

La deduzione è che Ungar abbia agito come agente del Mossad.

Per l’agenzia, tali società valgono oro, dal momento che gli Iraniani si fidano di loro, e Israele può usare questa fiducia per scopi di sabotaggio e spionaggio.

Questa è solo una piccola ricostruzione di quello in cui il miliardario israeliano è stato direttamente o indirettamente coinvolto, ma è sufficiente per farsi un’idea del perché la sua nave sia stata catturata dagli Houthi yemeniti nel Mar Rosso.

.

https://t.me/channelredline/14985

Le combattenti israeliane operative su TikTok ritengono opportuno deridere la situazione umanitaria a Gaza.

“Questa è casa mia. Casa mia è senza elettricità. Casa mia e casa tua sono senza elettricità. La casa di Ahmed e quella di Fatima sono senza elettricità, così come quelle degli altri”.

Tra le israeliane si riconosce anche una Falashà di origine etiopica.

.

https://t.me/channelredline/15169

Trasporto feriti a Rafah.

.

https://t.me/channelredline/15145

La compagna Susan Sarandon, premio Oscar (The Rocky Horror Picture Show, Dead man walking, Thelma & Louise, etc.), è stata espulsa dal sindacato UTA (attori USA) a causa di un discorso tenuto durante una manifestazione a sostegno della Palestina.

.

https://t.me/intelslava/53524

Il presidente ceco Petr Pavel alla riunione dei quattro presidenti di Visegrad ha definito la Russia la principale minaccia per l’Europa e ha annunciato la preparazione degli eserciti europei per una guerra ad alta intensità.

 

.

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-04/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-03/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-02/

http://www.bergamoincomune.it/notizie-da-oltre-cortina-01/

Submit a Comment