Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Marzo 4, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

UNA ANALISI DA ISTANBUL

UNA ANALISI DA ISTANBUL

.

Pubblichiamo la traduzione di un articolo pubblicato da Abdullah Muradoğlu sul quotidiano turco Yeni Şafak.

Per saperne di più circa l’autore ed il quotidiano rimandiamo all’articolo pubblicato su BergamoinComune il 4 gennaio 2023 di cui forniamo il link:

http://www.bergamoincomune.it/dollaro-nato-cina-russia-europa-ed-ucraina-22/

Non c’è nulla da cambiare nella nota introduttiva di quell’articolo di quasi un anno fa.

In ogni modo è a dir poco ovvio che su un quotidiano turco non si trovi alcun paragone alla situazione del Nagorno-Karabakh, su Yeni Şafak invece si trovano spesso articoli che inneggiano alla determinazione degli Azeri turcofoni.

.

È CADUTA LA MASCHERA DELL’ “OCCIDENTE CIVILIZZATO”

Di Abdullah Muradoğlu

15/10/2023 domenica

.

https://www.yenisafak.com/en/columns/abdullah-muradoglu/the-mask-of-the-civilized-west-has-fallen-3671947

La Gran Bretagna e gli Stati Uniti sono coloro che hanno piantato il pugnale che chiamano “Israele” nel cuore della regione.

Un tempo l’elsa del pugnale era nelle mani degli inglesi.

Dopo la seconda guerra mondiale, questa elsa è passata nelle mani degli Stati Uniti e il Regno Unito ha assunto il ruolo di “subalterno”.

Quando gli Stati Uniti e i loro subalterni hanno promosso la “soluzione dei due stati”, presumibilmente non era altro che uno stratagemma e in realtà, si è trattato dell’annessione costante e graduale dei territori occupati.

Il problema per gli Stati Uniti e i suoi subalterni è che Netanyahu e i suoi compari hanno accelerato gli insediamenti illegali così tanto che è ora impossibile ignorarli.

Israele non vuole una “soluzione a due Stati” e gli Stati Uniti e gli altri stanno semplicemente fingendo di “volerlo”.

Israele vuole che tutti i palestinesi accettino l’annessione, facciano le valigie e lascino le loro case.

Mentre gli Stati Uniti armano incondizionatamente Israele, consigliano pazienza ai palestinesi, che vengono trasformati in paria nella loro stessa terra ed Israele, contando sull’incrollabile sostegno degli Stati Uniti, agisce sapendo che i suoi crimini rimarranno impuniti.

I veti di Stati Uniti, Regno Unito e Francia, tre dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sono sempre a favore di Israele, motivo per cui la “soluzione dei due Stati” è diventata obsoleta.

Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali impongono sanzioni alla Russia per la presunta violazione del cosiddetto “ordine internazionale basato sulle regole” a partire dall’annessione della Crimea con l’uso della forza, mentre nel 2019 l’allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha formalmente approvato l’annessione delle alture del Golan da parte di Israele.

L’attuale presidente Joe Biden, che parla continuamente di ordine internazionale basato sulle regole, non ha nemmeno tentato di invertire questa vergognosa decisione presa da Trump, mentre gli altri due paesi occidentali del Consiglio di sicurezza dell’ONU, invece, si accontentano di brontolare un po’.

Il mondo occidentale alza la voce sull’annessione del Golan?

https://www.globaltimes.cn/page/202310/1299844.shtml
Secondo le ultime immagini satellitari ottenute dal cinese International Research Center of Big Data for Sustainable Development Goals (SDG Center), la Striscia di Gaza, una delle aree più densamente popolate del mondo, di notte è quasi completamente immersa nell’oscurità.
Questo netto contrasto con le notti precedenti ben illuminate evidenzia le difficili condizioni di vita della popolazione; da quando lunedì l’esercito israeliano ha annunciato il taglio della fornitura di acqua ed energia elettrica e ha attuato un blocco globale, la crisi umanitaria nella Striscia di Gaza palestinese è peggiorata.
Nell’immagine del 12 ottobre si possono identificare gli incendi dovuti ai bombardamenti.
Notare come immagini simili siano registrate anche da satelliti USA ed europei, ma nessuno di costoro è disposto a pubblicarle.

.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha descritto gli attacchi della Russia alle infrastrutture civili in Ucraina come “crimini di guerra” e ha dichiarato al Parlamento europeo: “Privare uomini, donne e bambini di acqua, elettricità e riscaldamento con l’avvicinarsi dell’inverno: questi sono atti terroristici puri. Dobbiamo chiamarli con il loro nome”.

Questi stessi leader stanno spudoratamente rifiutandosi di vedere le atrocità di Israele a Gaza e il loro concetto di un ordine internazionale basato sulle regole non è altro che la “legge del più forte”.

Secondo questa mentalità, i più forti sono esentati dalle regole e solo i deboli devono rispettarle.

Di fronte alla punizione collettiva di Israele nei confronti di una popolazione condannata a vivere a Gaza sotto assedio da tutte le parti, il mondo occidentale rimane in silenzio.

Per decenni hanno chiuso gli occhi sugli insediamenti costruiti con la forza degli Israeliani in Cisgiordania.

Mentre gli Stati Uniti fingono di risolvere il problema, gli annessionisti non si sono mai fermati e mentre gli Stati Uniti ostacolano i Palestinesi, gli annessionisti continuano il loro lavoro.

La legittimità del cosiddetto ordine internazionale basato sulle regole si sta perdendo a causa degli Stati Uniti e la narrazione secondo cui sostenere Israele è nell’interesse dei nordamericani, sani e salvi e circondati da oceani, viene ripetuta.

Questa narrazione era valida anche quando gli Stati Uniti hanno devastato l’Iraq e l’Afghanistan ed ora che gli Stati Uniti stanno costruendo un “corridoio del terrore” in Siria, la stessa narrazione viene ripetuta.

I primi invasori occidentali in America consideravano i popoli indigeni come “inferiori” e questa mentalità giustificava ogni tipo di oppressione.

Gli “indigeni” hanno accolto i coloni invasori, che assomigliavano a loro, con occhi curiosi, affetto e braccia aperte, offrendo banchetti e doni e, dietro i loro sorrisi finti, gli invasori nascondevano dei pugnali.

Alla prima occasione hanno affondato i pugnali e hanno chiesto più navi e più soldati dei loro capi in Europa per sterminare i “selvaggi”.

L’esercito israeliano afferma che sta combattendo una guerra contro “animali subumani” per legittimare i suoi massacri a Gaza e il cosiddetto “Occidente civilizzato” si schiera dietro Netanyahu, nonostante sia definito addirittura “razzista-fascista” dai suoi rivali politici.

Per facilitare l’annientamento da parte di Netanyahu degli “animali subumani” nella prigione chiamata “Gaza”, gli Stati Uniti e il Regno Unito inviano le più grandi navi da guerra nel Mediterraneo orientale.

La facciata “civilizzata” dell’Occidente si sta sgretolando e noi Turchi conosciamo già il loro vero volto. Mehmet Akif non ha descritto le potenze occidentali che occupavano la nostra Patria nella sua “Marcia per l’Indipendenza” del 1921 come “la cosiddetta civiltà, l’unico mostro rimasto con una sola zanna”?

Submit a Comment