Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Luglio 23, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

GLI EVENTI DI FRANCIA

GLI EVENTI DI FRANCIA

.

Pubblichiamo la traduzione di due articoli del Quotidiano del Popolo di Pechino (Global Times) relativi agli eventi di Francia.

Alcune parti non sono sempre condivisibili, ad esempio dove il “Maggio francese” viene ridotto ad una specie di “Rivoluzione dei garofani” indotta da oscure trame contro De Gaulle e come “inizio del caos sociale cronico” (il che dimostra pure che in Cina del ’68 non hanno capito molto o, più probabilmente, gli conviene fare finta di non avere capito), però l’analisi generale è sicuramente interessante, soprattutto nel primo articolo, lasciamo a Voi la valutazione di se sia anche condivisibile.

In ogni modo l’impostazione è fin troppo chiaramente “pro domo Sinarum”, a favore della Cina, vale a dire integrata nella politica cinese verso l’Europa.

Però alcune analisi sono da leggere, sicuramente sono comunque più credibili di tante pericolose stupidaggini che il sistema mediatico italiota cerca di inculcare.

.

.

LE RIVOLTE FRANCESI SONO CAUSATE DA VECCHI PROBLEMI E SONO UNA PROVA PER MACRON PER VEDERE SE SARÂ CAPACE DI AFFRONTARE SFIDE COMPLESSE

I disordini colpiscono più paesi europei, preoccupati i turisti cinesi (sic).

Di Yang Sheng e Zhang Changyue

Pubblicato: 03 luglio 2023 00:13

L’impatto delle massicce rivolte in tutta la Francia continua mentre il presidente francese Emmanuel Macron ha rinviato una visita di stato in Germania che doveva iniziare domenica, con 45.000 poliziotti dispiegati per gestire la situazione e centinaia di persone arrestate.

I cittadini e gli osservatori cinesi che lavorano e vivono in Francia hanno affermato che i danni e gli impatti sono ingenti e che i francesi sperano che l’ordine pubblico possa essere ripristinato e che gli attacchi contro civili innocenti e strutture pubbliche sono inaccettabili.

I turisti cinesi che intendono visitare la Francia sono preoccupati per i disordini, poiché il ministero degli Esteri cinese ha avvertito domenica dell’attuale situazione della sicurezza in Francia.

Gli analisti cinesi hanno affermato che le attuali massicce rivolte sono causate dall’annosa questione degli immigrati e dal peggioramento della situazione economica dell’Europa a causa della crisi ucraina, e dato il recente tentativo di Macron di cercare una maggiore autonomia strategica, il che ha offeso le forze che sostengono un ordine unipolare egemonico, è possibile che alcune forze occidentali possano svolgere un qualche ruolo dietro le quinte.

.

Attualmente, non solo la Francia, ma anche altri paesi europei, tra cui Svizzera e Belgio, hanno assistito a disordini.

Gli esperti hanno affermato che questo significa che una delle ragioni fondamentali alla base di questi disordini potrebbe essere una sfida condivisa per i membri dell’UE e sarebbe un test per la Francia, così come l’UE, per gestire la complicata situazione attuale.

.

SITUAZIONE PERICOLOSA

La polizia francese ha arrestato almeno 719 persone durante La quinta notte di rivolta in tutto il paese sabato sera dopo il funerale del diciassettenne Nahel M, di origine nordafricana, avvenuto all’inizio di quel giorno.

Il Ministero dell’Interno del paese ha affermato che il livello di violenza “sembra essere diminuito” da quando la rabbia è scoppiata per la prima volta dopo che l’adolescente è stato ucciso da un agente di polizia durante un blocco del traffico nel sobborgo parigino di Nanterre martedì.

Song Luzheng, uno studioso cinese residente a Parigi ed esperto di studi politici presso il China Institute of Fudan University, ha dichiarato domenica al Global Times che “le rivolte hanno finora avuto un impatto principalmente sulle comunità composte principalmente da musulmani e immigrati arabi o africani. I sistemi di trasporto pubblico come metropolitane e autobus sono stati attaccati e anche i centri commerciali sono stati presi di mira dai rivoltosi (sic) che vogliono usare il caos per coprire i loro tentativi di saccheggio”.

Le comunità con pochi immigrati sono ancora al sicuro in generale finora e molte persone si sono abituate a questo tipo di situazione poiché le rivolte e i disordini non sono rari in Francia.

Credono che alla fine la situazione tornerà alla normalità, anche se non credono che il problema degli immigrati e della violenza della polizia possa essere sostanzialmente risolto, ha detto Song.

Jin Liang, un giornalista cinese residente a Parigi che ha condotto servizi in diretta sulla situazione nei giorni scorsi, ha dichiarato al Global Times che la situazione è “brutta come i campi di battaglia, e anche più caotica”.

Ha detto che quando riporta la notizia sul posto, al fine di garantire la sicurezza, lui ei suoi colleghi stanno sempre dietro la linea difensiva della polizia.

.

I disordini hanno avuto un impatto sulle attività diplomatiche del leader nazionale francese. Secondo Reuters sabato, Macron ha rinviato una visita di stato in Germania che doveva iniziare domenica.

È stata la seconda volta quest’anno che i disordini in Francia hanno costretto Macron a rinviare incontri di alto profilo con un capo di stato dopo che il re Carlo della Gran Bretagna ha annullato una visita a causa delle proteste sulla legislazione sulle pensioni all’inizio di quest’anno.

Anche gli stranieri in Francia, come i turisti cinesi, sono in pericolo.

Venerdì, un autobus che trasportava 41 turisti cinesi è stato attaccato da un gruppo di rivoltosi vestiti di nero nella città meridionale di Marsiglia.

Domenica scorsa, il ministero degli Esteri cinese ha avvertito i cittadini cinesi in Francia di rafforzare la sicurezza personale, dei veicoli, della residenza e dei negozi, di chiamare la polizia e contattare l’ambasciata o i consolati cinesi in Francia in caso di emergenza.

Anche i turisti britannici che si recano in Francia sono stati avvertiti che potrebbero avere problemi, secondo The Guardian di sabato.

Il Foreign Office del Regno Unito ha modificato i suoi consigli di viaggio, avvertendo della potenziale interruzione dei viaggi, coprifuoco e che “il luogo e i tempi delle rivolte sono imprevedibili”.

Alcune agenzie di viaggio cinesi raggiunte dal Global Times hanno affermato di prestare molta attenzione alla situazione ma al momento non annulleranno i viaggi in Francia, ma adegueranno gli itinerari di viaggio in base all’evolversi della situazione in quanto ritengono che i disordini siano accidentali incidenti e non durerà a lungo.

CAUSE COMPLESSE

Le rivolte questa volta sono state causate direttamente dall’uccisione di un adolescente nordafricano da parte della polizia francese, e potrebbe sembrare un incidente, ma in realtà le massicce rivolte a livello nazionale sono in realtà causate da problemi di lunga data e complicati in Francia, quindi, da questo punto di vista, le attuali rivolte sono inevitabili in questa società, ha detto domenica al Global Times Zheng Ruolin, esperto di studi francesi e ricercatore presso il China Institute of Fudan University.

La Francia e molti altri paesi europei hanno accolto negli ultimi decenni una grande quantità di immigrati e rifugiati dai paesi in via di sviluppo, e dopo la “primavera araba” e le guerre e il caos causati dalle potenze occidentali guidate dagli Stati Uniti in Medio Oriente, il numero di immigrati e rifugiati fuggiti in Europa è aumentato in modo significativo.

Questo ha già causato tensioni tra persone con background culturali, etnici e religiosi diversi, nonché tensioni tra polizia e immigrati, in molti paesi occidentali, hanno detto gli esperti.

.

Dopo lo scoppio della crisi ucraina nel 2022, si sono verificati nuovi problemi poiché le speranze di una ripresa economica dopo la pandemia di COVID-19 sono state seriamente compromesse.

L’aumento dei prezzi dell’energia e il peggioramento della situazione della sicurezza e del contesto imprenditoriale hanno portato a un aumento della disoccupazione e della rabbia tra le classi inferiori, per lo più immigrati dai paesi arabi e africani, hanno detto gli analisti.

Pertanto, “basta una scintilla potrebbe far esplodere questa enorme polveriera”, e non solo in Francia, ma in molti altri paesi europei tra cui Germania, Belgio, Svezia, Paesi Bassi e Svizzera, che condividono tutti problemi simili.

Ecco perché l’intera Europa sta prestando molta attenzione a come si evolve la situazione, ha osservato Song.

.

Alcuni osservatori hanno affermato che, poiché Macron ha compiuto una serie di mosse indipendenti dagli Stati Uniti, ad esempio la richiesta di autonomia strategica dell’UE e l’allontanamento della Francia dalla politica estera statunitense relativa alla Cina, alcuni soggetti potrebbero stare svolgendo un ruolo nelle attuali ribellioni per creare problemi e fare pressioni sul governo Macron.

Zheng ha detto che non ci sono prove chiare ora per dimostrare questo tipo di speculazione, ma che la preoccupazione è ragionevole, perché nella storia, quando la Francia segue una politica che non piace agli Stati Uniti, nel paese si verificano ribellioni, come quelle del maggio 1968 (sic) durante il mandato di Charles de Gaulle e quelle francesi del 2005 durante il mandato di Jacques Chirac.

“Le ribellioni attuali hanno alcune caratteristiche tipiche delle rivoluzioni colorate, come l’uso dei social media tra i rivoltosi e la violenza guidata da alcuni slogan politici sediziosi”.

Song ha detto che se le ribellioni si estendessero a più paesi europei, questo minerebbe in modo significativo l’unità del blocco occidentale ed il suo sostegno all’Ucraina contro la Russia, quindi usare le ribellioni per incitare più disordini in Francia al momento non sarebbe molto saggio per quei soggetti.

.

https://www.globaltimes.cn/page/202307/1293594.shtml

.

.

LA RIVOLTA IN FRANCIA MOSTRA L’ASPETTO NEGATIVO DEL MODELLO DI SVILUPPO OCCIDENTALE

Di Ding Gang

Pubblicato: 02 luglio 2023 23:07

.

Violenti disordini stanno attraversando la bella ed elegante Francia con più di 1.350 auto date alle fiamme

L’azione sconsiderata di un poliziotto francese ha “aperto il vaso” e ha innescato un’improvvisa esplosione di rabbia fino ad ora repressa.

Il 1 luglio, il governo francese ha dispiegato 45.000 agenti di polizia sostenuti da veicoli blindati leggeri per mantenere la legge e l’ordine.

Perché i francesi, orgogliosi e romantici, mostrano tanta ostilità?

Dal movimento dei “gilet gialli” alle proteste contro la riforma delle pensioni, e ora le rivolte contro la discriminazione razziale, la Francia ha visto un’ondata di disordini dopo l’altra negli ultimi anni a causa di vari problemi sociali.

Dopo le rivolte, i media francesi ed europei, come in passato, si sono affrettati a prescrivere rimedi.

Alcuni suggeriscono di accelerare la riforma del sistema di polizia e affrontare la discriminazione razziale, mentre altri propongono di trovare modi per colmare l’enorme divario tra ricchi e poveri e affrontare l’aumento della disoccupazione.

Ma la maggior parte di questi rimedi proposti sono chiacchere decrepite.

.

Per comprendere i problemi della Francia si deve tener conto del contesto della globalizzazione.

.

La globalizzazione si è evoluta dalla “terza ondata” della rivoluzione informatica alla “quarta ondata” della rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale, che sta portando a cambiamenti molto rapidi.

Tuttavia, l’economia post-industriale sta dando origine a problemi sempre più complessi, rendendo impossibile il fare affidamento alle formule fino ad ora esistenti per la loro soluzione.

.

L’indicatore più significativo della post-industrializzazione è lo spostamento dell’economia nazionale dalla produzione ai servizi.

.

Secondo lo studioso cinese Qian Chendan, la “prim ondata”, in cui l’industria sostituisce l’agricoltura, è da considerarsi come un progresso significativo per l’umanità.

La “seconda ondata” comporta il passaggio dal settore manifatturiero al settore dei servizi come forma dominante di produzione economica di un paese, anche questo viene visto come una forma di progresso anche se questo potrebbe non riflettere necessariamente la realtà.

Infatti l’abbandono dell’ “economia reale” da parte delle nazioni sviluppate a favore dei servizi non è solo insostenibile, ma ha anche contribuito a uno sviluppo globale squilibrato e ha innescato un’ondata di anti-globalizzazione.

L’effetto di sostituzione dell’industrializzazione nei paesi in via di sviluppo, l’accelerazione dell’outsourcing, l’epidemia globale e lo scoppio della guerra Russia-Ucraina hanno tutti accelerato questo squilibrio.

Il settore dei servizi non può colmare la fossa profonda della disoccupazione causata dalla de-produzione, né può sostenersi al di fuori della produzione.

Questi effetti negativi del conseguente rallentamento economico stanno accelerando e trasferendo l’onere principalmente sulle classi medio-basse, schiacciando le speranze delle persone per il loro futuro.

Non c’è speranza di occupazione stabile, redditi crescenti o famiglie felici.

.

Le rivolte attualmente in corso in Francia sembrano essere guidate dall’opposizione al razzismo istituzionale e moltissime persone sono scese in piazza.

La maggior parte di coloro che vediamo nei video sui social media sono giovani, alcuni addirittura armati, e sono alimentati dalla rabbia verso l’ingiustizia sociale.

Quando la frustrazione permea l’atmosfera come un gas, è solo questione di tempo prima che si infiammi.

.

Allora perché la Francia?

La Francia è stato senza dubbio uno dei primi paesi occidentali a raggiungere l’industrializzazione, ma ha anche accumulato molti problemi nella sua nuova società postindustriale.

Per estendere la nostra prospettiva, possiamo vedere i disordini civili del 1968 come l’inizio del caos sociale cronico (sic).

I disordini civili del 1968 (sic di nuovo) sono un evento emblematico del pensiero sociale occidentale moderno.

Da allora, i giovani occidentali hanno prestato maggiore attenzione alla libertà personale e alla diversità e hanno sfidato i tradizionali concetti di carriera, modelli familiari e stili di vita.

E questo tipo di cambiamento di concetto ha le stesse radici della tendenza anti-globalizzazione emersa successivamente, prefigurando l’escalation della lotta contro la globalizzazione.

Dopo la crisi finanziaria del 2008, il mondo sviluppato ha prestato maggiore attenzione al divario tra ricchi e poveri e alla diminuzione dell’occupazione.

Questo stato d’animo sociale si è presto trasformato in come stimolare il rilancio della produzione nei loro paesi, seguito dalla narrazione di “ci hanno rubato il lavoro” e dai vari disegni di legge che mirano a frenare il commercio con la Cina.

Guardando al futuro, la realizzazione della re-industrializzazione sembra essere un sogno lontano; ecco perché dobbiamo essere consapevoli di quanto sta accadendo in Francia.

.

https://www.globaltimes.cn/page/202307/1293587.shtml

Submit a Comment