Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Aprile 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

ANCORA SULLA VIA DELLA SETA

ANCORA SULLA VIA DELLA SETA

I saggi cinesi continuano a mandare avvisi che non possono essere definiti di minaccia (come invece fanno gli energumeni del sistema mediatico MinCulPop/NATO), ma che sono un: “Vedete di non fare fesserie”.

E scusate l’espressione, ma ci sta.

Adesso vedremo cosa faranno i fascistoidi al potere…

https://www.globaltimes.cn/page/202307/1295242.shtml

.

.

L’Italia sta facendo conti sbagliati se dovesse utilizzare la cooperazione BRI (Belt and Road Initiative, la Nuova Via della Seta) come merce di scambio per un accordo con gli Stati Uniti.

Dai giornalisti dello staff di GT

28 luglio 2023 08:33

.

L’Italia sta effettuando calcoli sbagliati se pensa di poter ottenere qualcosa dagli Stati Uniti sacrificando la cooperazione multilaterale con la Belt and Road Initiative cinese, hanno affermato gli esperti cinesi in risposta alla posizione vacillante del governo italiano sull’accordo BRI.

Le osservazioni sono arrivate quando il primo ministro italiano Giorgia Meloni, secondo quanto riferito, ha pensato di ritirare l’Italia dall’iniziativa congiunta, che il paese ha firmato con la Cina nel 2019, durante la sua visita negli Stati Uniti questa settimana.

.

Parlando con il Global Times in un’intervista scritta esclusiva, l’ambasciatore cinese in Italia Jia Guide ha affermato che il Memorandum sulla cooperazione nel quadro della BRI tra Cina e Italia è un documento reciprocamente vantaggioso e vantaggioso per tutti.

“Dopo la firma del Memorandum, il livello strategico delle relazioni Cina-Italia è stato ulteriormente migliorato e la posizione prioritaria dell’Italia nelle relazioni estere della Cina e l’importanza delle relazioni Cina-Italia nel contesto delle relazioni Cina-Europa sono state notevolmente elevate”, ha affermato Jia. , aggiungendo che la cooperazione pratica in vari campi ha portato benefici tangibili ed effetti positivi sia per le nazioni che per i loro popoli.

L’Italia ha firmato l’accordo BRI nel 2019 durante il mandato dell’ex primo ministro Giuseppe Conte. Tuttavia, negli ultimi mesi, sono in corso speculazioni sul fatto che il governo Meloni stia contemplando l’idea di revocare tale decisione.

.

Non è ancora chiaro se l’Italia si ritirerà dalla BRI.

.

Durante la sua visita negli Stati Uniti, Meloni ha affermato che lei e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno discusso della partecipazione dell’Italia alla BRI cinese, ma l’approccio di Washington non era quello di dettare la politica dell’Italia sulla Cina, ha riferito Reuters venerdì.

Nonostante le osservazioni di Meloni, gli esperti hanno affermato che è chiaro che il presidente del Consiglio italiano sta subendo pressioni da parte degli Stati Uniti.

.

.

Cui Hongjian, direttore del Dipartimento di studi europei del China Institute of International Studies, ha dichiarato al Global Times che è essenziale sottolineare il concetto di autonomia, soprattutto perché l’Italia sta subendo le pressioni degli Stati Uniti.

“L’approccio adottato dagli Stati Uniti in definitiva non è vantaggioso per le economie dei Paesi europei, Italia compresa, in quanto esclusivo e guidato da unilateralismo e protezionismo. In netto contrasto, la Cina sostiene il libero scambio e un’economia aperta, che sono il vero nucleo valori di cooperazione, in particolare nel contesto della BRI”, ha affermato Cui.

Per l’Italia, l’idea di sacrificare la cooperazione con la Cina sotto BRI per guadagnare qualcosa dagli Stati Uniti è un errore di calcolo, ha osservato Cui.

.

La posizione esitante dell’Italia potrebbe anche indicare che vuole negoziare con la Cina su alcune questioni commerciali come i deficit commerciali, che sono stati spesso sollevati, hanno detto gli esperti.

Nel 2022, il volume degli scambi tra Cina e Italia ha raggiunto i 77,884 miliardi di dollari, con un aumento anno su anno del 5,4%. Le esportazioni della Cina verso l’Italia sono ammontate a 50,908 miliardi di dollari, un aumento anno su anno del 16,8%, mentre le importazioni cinesi dall’Italia sono state di 26,976 miliardi di dollari, un calo anno su anno dell’11%, come mostrano i dati dell’Amministrazione generale delle dogane.

“Loro (l’Italia) vorrebbero che la Cina aumentasse le importazioni dei loro beni e aiutasse ad affrontare alcuni problemi di investimento… inoltre, la cooperazione BRI è guidata dalle politiche e, in ultima analisi, è determinata dalle forze di mercato. L’Italia non può attribuire i propri problemi di competitività dei prodotti alla Cina e dare la colpa alla Cina”, ha detto Cui.

Anche la Cina ha fatto la sua parte per aiutare l’Italia a introdurre più merci nel mercato cinese. Ad esempio, l’Italia è stata costantemente invitata a partecipare a importanti fiere internazionali in Cina. Un tempo era l’ospite d’onore al China International Import Expo e questo aprile ha partecipato come unico ospite d’onore al terzo China International Consumer Products Expo.

.

L’Italia ha firmato con la Cina un totale di nove documenti relativi all’ispezione e alla quarantena dei prodotti agricoli italiani, posizionandosi ai primi posti tra i paesi europei.

Inoltre, il governo italiano dovrebbe assumere una prospettiva a lungo termine e più ampia e comprendere che, a parte il commercio, c’è ancora un incremento nella cooperazione italo-cinese nelle industrie, negli investimenti e nella finanza, ha affermato l’esperto.

Anche gli investimenti bilaterali tra Cina e Italia hanno registrato una rapida crescita. Il “Panda Bond” da un miliardo di yuan è stato emesso con successo dalle autorità italiane, la prima emissione del genere da parte dell’Istituto Nazionale di Promozione confermata dall’Unione Europea.

Il primo satellite sismo-elettromagnetico della Cina, noto come Zhangheng 1, con rilevatori di particelle ad alta energia italiani a bordo, svolge un ruolo attivo nell’allerta precoce dei terremoti e nella prevenzione e mitigazione dei disastri.

I due paesi hanno raggiunto una serie di risultati visibili in progetti relativi alla costruzione navale, all’energia eolica offshore e alla cooperazione di mercato di terze parti.

Submit a Comment