Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Aprile 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

SEMPRE SULLA VIA DELLA SETA

SEMPRE SULLA VIA DELLA SETA

Anche oggi abbiamo trovato ben due nuovi articoli del Quotidiano del Popolo di Pechino relativi al rinnovo o all’abbandono da parte del governo italiano del Memorandum sulla Nuova Via della Seta firmato nel 2019.

Forniamo il link di entrambi insieme alla traduzione di quello che ci è sembrato essere il più significativo, l’altro traducetevelo da soli.

https://www.globaltimes.cn/page/202308/1295423.shtml

https://www.globaltimes.cn/page/202307/1295382.shtml

.

Non dobbiamo permettere che una rinuncia alla Belt and Road Initiative (BRI) da parte dell’Italia diventi per essa un grande rimpianto.

Editoriale di Global Times

A cura di Global Times – 01 ago 2023 00:28

.

.

Il ministro della Difesa italiano, Guido Crosetto, ha recentemente dichiarato in una intervista che il precedente governo ha preso una decisione “improvvisata e atroce” quando ha aderito alla Belt and Road Initiative (BRI) proposta dalla Cina.

La questione oggi, ha detto, è come tornare indietro (dalla BRI) senza danneggiare i rapporti (con Pechino)..

Questo è il messaggio più forte inviato da un ministro dell’attuale governo italiano da quando è emersa la speculazione secondo cui l’Italia potrebbe non rinnovare il Memorandum BRI Cina-Italia.

Tuttavia va precisato che è anormale che un ministro della Difesa faccia simili affermazioni.

È noto a tutti che la BRI è un quadro di cooperazione economica regionale, che non ha nulla a che fare con la difesa nazionale.

Per la valutazione dei suoi risultati pratici dovrebbero essere qualificati il ​​Ministero del Commercio Estero, il Ministero dello Sviluppo Economico o magari anche il Ministero del Tesoro.

Come Ministro della Difesa italiano il Crosetto è stato inopportuno nel prendere l’iniziativa di “far saltare” la cooperazione economica dell’Italia con la Cina, questo anche dal solo punto di vista della sua posizione, e la sua dichiarazione è anche gravemente incoerente con la realtà.

.

.

Ad esempio, ha affermato che la BRI ha moltiplicato le esportazioni cinesi verso l’Italia, ma non ha avuto lo stesso effetto sulle esportazioni italiane verso la Cina.

Ma in realtà, per più di quattro anni, il volume degli scambi bilaterali tra Cina e Italia ha ripetutamente raggiunto nuovi massimi.

Dal 2019 al 2022 è aumentato di quasi il 42% in controtendenza.

L’anno scorso ha raggiunto quasi 78 miliardi di dollari. Dal 2019 al 2021 le esportazioni italiane verso la Cina sono aumentate del 42 per cento.

Nei primi cinque mesi di quest’anno, le esportazioni italiane verso la Cina sono aumentate significativamente del 58%.

Queste cifre riflettono inconfutabilmente il forte effetto della BRI, che non è affatto quello che ha detto Crosetto.

.

D’altra parte, sebbene la dichiarazione del ministro della Difesa italiano sia molto imbarazzante, sembra essere “normale” nell’ambiente politico odierno negli Stati Uniti e in Europa.

In termini di cooperazione economica con la Cina, spesso sono i funzionari della sicurezza e della difesa ad avere l’atteggiamento più radicale, coloro che si occupano effettivamente dell’economia appaiono invece molto più “moderati”.

Questo dimostra esattamente quanto siano imposti gli obblighi negli Stati Uniti e nell’Occidente di dare la precedenza  ai problemi di sicurezza.

Crosetto è solo l’ultimo esempio.

.

.

Inoltre, anche la tempistica della retorica di Crosetto è dubbia, e dietro ovviamente ci sono gli Stati Uniti.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha appena concluso la sua visita negli Stati Uniti ed esistonoi speculazioni sul fatto che Meloni possa ritirarsi dalla BRI per mostrare lealtà agli Stati Uniti, ma fino ad ora questo si è rivelato essere falso.

Dopo l’incontro con il presidente USA, Joe Biden, la Meloni ha detto che il governo italiano prenderà una decisione sulla BRI entro dicembre, sottolineando di “mantenere aperto un dialogo costruttivo con Pechino” e rivelando la volontà di visitare la Cina.

Questo riflette anche l’attuale dilemma dell’Italia: vuole il riconoscimento politico di Washington, ma non è disposta a rinunciare alla cooperazione economica con la Cina, e non vuole essere obbligata a scegliere solo una di queste due opzioni.

.

È chiaro chi è responsabile della difficile situazione attuale dell’Italia.

Da quando ha deciso di aderire alla BRI nel 2019, gli Stati Uniti hanno esercitato una forte pressione su di essa e hanno quasi etichettato l’Italia come un “traditore dell’Occidente”.

A quel tempo, il New York Times descrisse addirittura l’Italia come un “cavallo di Troia” del mondo occidentale, “che consente all’espansione economica – e potenzialmente militare e politica – della Cina di raggiungere il cuore dell’Europa”.

Dopo il cambio di governo italiano, Washington ha visto un’opportunità e ha intensificato le pressioni su di esso.

Poco prima della visita di Meloni negli Stati Uniti, John Kirby, direttore delle comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale, ha pubblicamente “istruito” l’Italia sulla “mancanza di ricompensa per le partnership economiche con la Cina” e ha detto che “abbiamo creato un’alternativa”.

Questa è davvero una scena intrigante.

Mentre gli Stati Uniti e l’Occidente stanno promuovendo la vigilanza contro la BRI, hanno anche lanciato “imitazioni” della BRI, come la Partnership for Global Infrastructure and Investment del G7 e la Global Gateway Initiative dell’Unione Europea.

L’imitazione è la più sincera forma di adulazione, ha detto Kishore Mahbubani, un ex diplomatico che ha servito come rappresentante permanente di Singapore alle Nazioni Unite.

Gli Stati Uniti e l’Occidente imparano e imitano la BRI sopprimendola e diffamandola, dimostrando ulteriormente che la BRI è stata proposta con una visione a lungo termine e in linea con la tendenza generale dei tempi.

A differenza del multilateralismo sostenuto dalla BRI, la storia ha ripetutamente dato risposte su quale ruolo possano giocare le “imitazioni” fondate sulla geopolitica e sull’egemonia.

.

Essendo l’unico paese del G7 che ha firmato il Memorandum sulla BRI, la priorità dell’Italia nelle relazioni estere della Cina e lo stato delle relazioni Cina-Italia nelle relazioni Cina-UE sono stati notevolmente migliorati, con molti effetti positivi diretti e indiretti

Inoltre questa adesione pone l’Italia in una posizione unica e vantaggiosa per collegare l’Oriente e l’Occidente.

.

.

Se guardiamo solo da un punto di vista pragmatico e puramente dagli interessi nazionali dell’Italia, l’adesione alla BRI è senza dubbio vantaggiosa.

Ma se si mescola con la geopolitica e la pressione e la coercizione degli Stati Uniti, le cose si complicano.

Ci auguriamo che l’Italia possa prendere una decisione razionale senza interferenze esterne.

.

Questo è quel momento in cui viene messa alla prova la saggezza politica e l’autonomia politica dell’Italia.

 

Submit a Comment