Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Aprile 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

UNA ANALISI DA TEL AVIV

UNA ANALISI DA TEL AVIV

.

Pubblichiamo la traduzione di un articolo di Jerusalem Post, originariamente giornale di sinistra che ha effettuato un deciso spostamento verso la destra più che nazionalista alla fine degli anni ’80.

È un giornale che ha pochi dubbi.

Abbiamo provato a leggere anche il quotidiano “di sinistra” Haaretz, ma ne abbiamo percepito un grande senso di sbandamento e preferiamo attendere che lo superino prima di citare anche loro.

.

https://www.jpost.com/israel-news/article-768005

.

TAGLIARE ELETTRICITÂ E ACQUA A GAZA: ETICO O ECCESSIVO?

“Usare mezzi tattici per fare pressione su Hamas affinché rilasci gli ostaggi israeliani è etico e giustificato”, ha detto il dottor Elai Rettig.

Di MAAYAN JAFFE-HOFFMAN

OTTOBRE 12, 2023 20: 00 – Aggiornato: OTTOBRE 13, 2023 03: 47

.

,

Israele è legalmente ed eticamente giustificato nel sospendere le forniture di elettricità e acqua a Gaza in risposta al massacro di civili innocenti da parte delle organizzazioni terroristiche di Hamas sabato?

Il ministro dell’Energia Israel Katz ha promesso giovedì che Israele non permetterà ai servizi di base o agli aiuti umanitari di entrare a Gaza fino a quando Hamas non rilascerà le persone che ha rapito durante il suo assalto a sorpresa del fine settimana.

“Aiuti umanitari a Gaza?” Katz ha twittato. “Nessun interruttore elettrico sarà acceso, nessun rubinetto dell’acqua sarà aperto e nessun camion di carburante entrerà fino a quando gli ostaggi israeliani non saranno riportati a casa.

“Umanitarismo per umanitarismo”, ha continuato. “E nessuno può predicarci la moralità”.

Katz ha rilasciato questa dichiarazione il giorno dopo l’appello dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per porre fine al conflitto e stabilire un corridoio umanitario dall’Egitto alla Striscia di Gaza per facilitare la consegna di forniture mediche cruciali. L’organizzazione per i diritti umani ha sottolineato che gli ospedali e le infrastrutture sanitarie di Gaza sono sull’orlo del collasso, proprio mentre numerosi feriti di Gaza hanno urgente bisogno di cure mediche.

Secondo il ministero della Sanità locale, centinaia di abitanti di Gaza sono stati feriti negli attacchi aerei israeliani contro Hamas.

“Nella Striscia di Gaza, gli ospedali funzionano con generatori di riserva con il carburante che probabilmente si esaurirà nei prossimi giorni”, ha detto l’OMS. “Hanno esaurito le scorte che l’OMS aveva preparato prima dell’escalation. La risposta sanitaria salvavita dipende dall’arrivo di nuove forniture e carburante alle strutture sanitarie il più rapidamente possibile”.

.

HAMAS POTREBBE DEVIARE L’ENERGIA ELETTRICA

Israele ha sostenuto che se avesse permesso l’ingresso di carburante ed energia a Gaza, Hamas avrebbe potuto dirottare queste risorse per utilizzarle nel conflitto contro Israele. Hanno anche sostenuto che la mancanza di elettricità a Gaza era dovuta al fatto che solo i membri benestanti di Hamas avevano accesso al carburante e ai generatori nelle loro residenze e non a causa della decisione di Israele.

Secondo il dottor Elai Rettig del Dipartimento di Studi Politici dell’Università Bar-Ilan e ricercatore presso il Centro per gli Studi Strategici Begin-Sadat (BESA), Israele fornisce circa il 50% dell’energia di Gaza. La produzione di elettricità a Gaza non è sufficiente nemmeno in tempo di pace.

Prima dell’attacco di Hamas, il tipico residente di Gaza aveva accesso solo a circa quattro ore di elettricità ininterrotta al giorno. Questa situazione potrebbe essere attribuita principalmente ai danni che l’infrastruttura elettrica di Gaza ha subito durante l’Operazione “Protective Edge” nel 2014. Nonostante abbia ricevuto una sostanziale assistenza dall’estero, Hamas non ha intrapreso le riparazioni necessarie per ripristinare la rete.

Di conseguenza, i residenti di Gaza hanno trovato soluzioni indipendenti: hanno messo piccoli generatori diesel nelle loro case o installato pannelli solari sui loro tetti, ha spiegato Rettig. Questi pannelli solari forniscono circa il 25% dell’energia durante il giorno.

“Tutto ciò significa che l’effetto dell’interruzione della fornitura di energia a Gaza è piuttosto limitato”, ha detto Rettig.

Quando si tratta di diesel, questo passa attraverso Israele. Il gas viene raffinato ad Haifa e portato a Gaza. Inoltre, a volte Hamas compra diesel più costoso dall’Egitto.

Israele ha detto che i camion diesel provenienti sia dall’Egitto che da Israele non entreranno più nella Striscia. Pertanto, il diesel alla fine si esaurirà.

“Hamas ha affermato che il suo gasolio era già terminato. Questo è improbabile perché avrebbero già dovuto avere abbastanza diesel per durare almeno una settimana o due”, ha affermato Rettig. “Se non c’è diesel (a Gaza), è perché Hamas se lo è preso tutto”.

Ha detto che i terroristi potrebbero aver rubato il gasolio per usarlo nei loro quartier generali sotterranei e nei bunker in modo di poter continuare a operare.

Tuttavia, ha osservato che questa carenza di elettricità potrebbe avere una conseguenza separata: il suo impatto sull’approvvigionamento idrico e sul trattamento delle acque reflue.

“Senza elettricità costante, l’acqua non può fluire nelle tubazioni”, ha detto Rettig. “Se tra una settimana o due settimane, la maggior parte dell’elettricità a Gaza si interromperà, l’approvvigionamento idrico si interromperà, creando una grave carenza”.

Israele ha anche minacciato di cessare la fornitura di acqua a Gaza. Tuttavia, l’acqua israeliana non è un problema, ha aggiunto Eyal Pinko del Dipartimento di Studi Politici dell’Università Bar-Ilan.

“Israele fornisce solo il 10% dell’acqua a Gaza. Quindi, anche se interrompiamo la nostra parte, avranno ancora acqua”, ha affermato.

.

.

Quindi, il semplice atto di tagliare l’elettricità e l’acqua è contro il diritto internazionale?

Rettig ha detto che il diritto internazionale durante una guerra non è mai stato di semplice interpretazione, ma ha sostenuto che “Israele ne sta soddisfacendo i criteri di base”.

“Non stiamo bombardando le centrali elettriche, il che sarebbe una punizione collettiva”, ha detto Rettig. “Non stiamo togliendo loro la possibilità di generare elettricità. Israele sta temporaneamente tagliando la quota di Gaza [di elettricità] per ragioni tattiche e sta usando il tempo per ostacolare la capacità del suo nemico di monitorare e attaccare le forze israeliane”.

Ha detto: “Finché Israele può dire, e finora può dire, che sta agendo per un periodo di tempo limitato, allora non è un crimine di guerra”.

Inoltre, la mossa potrebbe essere essenziale per porre fine al conflitto il prima possibile e con meno vittime, secondo Pinko che ha pure detto che ci sarebbero stati due modi per porre fine a questa guerra: “soffocarli con un assedio o mettere gli stivali sul terreno”.

Rettig è d’accordo. Tuttavia, ha aggiunto che se il blocco continua per più di una settimana o due e non c’è elettricità o diesel per far funzionare la centrale elettrica di Gaza, la situazione potrebbe essere considerata in modo diverso.

“Israele dovrebbe permettere agli impianti di funzionare o ai camion dell’acqua di entrare, altrimenti costituirebbe una punizione collettiva, che sarebbe illegale”, ha detto.

.

L’altra cosa che è illegale è la vendetta.

“Ho perso molti studenti e colleghi che sono stati uccisi, ed è difficile non sentire che vuoi vendicarti”, ha ammesso Rettig. “Ma bisogna sempre ricordare che ci sono 2 milioni di persone a Gaza” – e la maggior parte di loro non sono terroristi.

“L’uso di mezzi tattici per fare pressione su Hamas affinché rilasci gli ostaggi israeliani è etico e giustificato”, ha concluso Rettig. “Ma se è solo per il gusto di vendicarsi, questo non è qualcosa che il diritto internazionale possa giustificare”.

Submit a Comment