Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Aprile 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

UNA ANALISI DA TEHRAN

UNA ANALISI DA TEHRAN

.

Pubblichiamo la traduzione di un articolo odierno di Tehran Times.

In un’epoca in cui il malgoverno di quella struttura sovranazionale, elitaria e non democratica, che va sotto il nome di Unione Europea sta raggiungendo il parossismo, mentre il sistema mediatico MinCulPop NATO nostrano a sua volta raggiunge livelli che, se non fossero tragici, sarebbero farseschi nel diffondere una bufala dietro l’altra, riteniamo che pubblicare analisi che provengono dall’altro lato della Nuova Cortina di Ferro sia a dire poco sacrosanto.

E questo anche per difendere quanto resta della cultura razionalista occidentale.

È ora di dirselo in chiaro: come nel 1940, siamo dalla parte sbagliata.

.

https://www.tehrantimes.com/news/490000/Implications-of-possible-ground-invasion-of-Gaza-for-Israel

.

Di Ali Karbalaei

CONSEGUENZE DI UNA POSSIBILE INVASIONE DI GAZA DA PARTE DI ISRAELE

10 ottobre 2023 – 22:31

Le forze israeliane si schierano sulla Striscia di Gaza mentre si profila un’invasione da terra

Truppe provenienti da diverse direzioni si stanno ora ammassando vicino all’area, indicando un cambiamento potenzialmente drastico nel conflitto in corso.

Mentre la priorità del regime è quella di riprendere il controllo degli insediamenti confinanti con Gaza, il suo timore è che qualsiasi incursione da terra avrebbe un costo enorme.

Israele non sta mostrando pietà, come dimostrato dal suo bombardamento senza precedenti dell’enclave costiera, e ha anche tagliato acqua, gas ed elettricità a Gaza per far morire di fame Hamas in una sorta di sottomissione.

L’invio di truppe, tuttavia, pone una sfida completamente diversa.

Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano, afferma che il tasso di attacchi aerei sulla Striscia di Gaza è cinque volte superiore a quello usato contro Hezbollah nella guerra del 2006, ma l’invio di truppe sarebbe una storia completamente diversa.

Anche se Gaza è una piccola enclave assediata non c’è dubbio che Hamas, insieme ad altri gruppi di resistenza palestinese, abbia fatto ampi preparativi per un tale scenario, sfruttando la sua profonda conoscenza dei vicoli, delle strade e dei tunnel sotterranei della regione in un denso ambiente urbano.

Questa formidabile struttura di resistenza basata su singole cellule fornisce un vantaggio che ad Israele, che opera come un esercito regolare, manca.

Non c’è dubbio che Hamas si sia preparata per un tale scenario prima di iniziare le sue operazioni sabato mattina e ha già dichiarato che le sue forze sono pronte per una “lunga guerra”.

Parlando all’Associated Press, il leader di Hamas Ali Barakeh ha dichiarato: “Ci siamo preparati bene per questa guerra e per affrontare tutti gli scenari, anche quello di una guerra lunga”.

Parlando all’Associated Press, il leader di Hamas Ali Barakeh ha dichiarato: “Ci siamo preparati bene per questa guerra e per affrontare tutti gli scenari, anche lo scenario della lunga guerra”.

Il gruppo ha molti comandanti esperti che hanno familiarità con le operazioni di combattimento e con il posizionamento iniziale delle forze e dei carri armati israeliani nelle precedenti guerre intraprese dal regime contro Gaza nelle aree agricole rurali settentrionali e a sud di Gaza City, dove c’è anche uno spazio aperto che si affaccia sul centro di Gaza.

Hamas è consapevole che Israele cercherà di dividere l’enclave costiera, ma le truppe israeliane che avanzeranno nelle principali città si ritroverebbero in una situazione molto difficile: come testimoniano gli eventi del passato, diventerebbero vittime di imboscate e finirebbero in trappola.

In considerazione delle precedenti incursioni terrestri israeliane, Hamas tende a stabilire le sue linee difensive lungo le principali direttive terrestri che Israele ha usato per invadere Gaza negli ultimi decenni e dove si sono verificati pesanti scontri a fuoco.

Hamas ha aumentato il numero dei suoi tunnel sotterranei e ha preso lezioni da Hezbollah per trasformarli in centri di comando per coordinare la propria risposta senza alcuna interruzione.

Poi arriva la questione dei droni, una nuova minaccia nella guerra moderna, che la resistenza palestinese ha nel suo arsenale e può essere utilizzata per sganciare bombe su carri armati israeliani, altri veicoli militari o forze.

.

.

Il continuo massacro israeliano di donne e bambini palestinesi potrebbe aprire nuovi fronti nella Cisgiordania occupata e in Libano.

Israele si troverebbe di fronte a tre fronti, e sta lottando per contenere la resistenza armata appena emersa nella Cisgiordania occupata.

Se Hezbollah, il formidabile gruppo di resistenza in Libano, dovesse entrare nella mischia, la situazione potrebbe prendere una brutta piega per le forze di terra israeliane. L’emergere di un movimento ben preparato e spontaneo potrebbe mettere a dura prova le capacità di Israele fino al punto di rottura.

Hezbollah ha già dimostrato la sua determinazione lanciando salve di razzi nella Palestina occupata settentrionale in risposta ai bombardamenti israeliani sul Libano che hanno ucciso tre dei suoi membri. I rapporti suggeriscono che elementi di Hezbollah si stanno mobilitando verso i territori palestinesi occupati da Israele.

Un movimento ben preparato e spontaneo potrebbe davvero mettere a dura prova le capacità di Israele fino al punto di non ritorno.

.

L’obiettivo dichiarato del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è la distruzione di Hamas a Gaza, ma l’esecuzione sul terreno è tutt’altro che semplice.

Le cellule di Hamas hanno mantenuto una presenza negli insediamenti israeliani, offrendo una prospettiva unica che potrebbe cogliere alla sprovvista le forze israeliane.

Gli intendimenti di Netanyahu sono molto più facili a dirsi che ad essere realizzati sul campo.

Nella Striscia di Gaza, solo Hamas sa quali sorprese attendono un’invasione di terra israeliana.

Il nuovo carro armato israeliano Barak, la versione aggiornata dei carri armati Merkava, sarebbe il primo obiettivo di Hamas e della Jihad islamica palestinese.

Durante la guerra del 2006 con gli Hezbollah libanesi, molti carri armati Merkava sono stati fatti saltare in aria dai missili anticarro portatili Kornet.

Israele non aveva idea che Hezbollah fosse in possesso di una tecnologia militare così avanzata 17 anni fa.

Una volta schiacciato il grilletto sul Kornet, non c’è modo di impedire al missile di distruggere il suo bersaglio.

La vera portata delle armi a disposizione della resistenza palestinese rimane incerta per Israele, aggiungendo un elemento di imprevedibilità a qualsiasi potenziale operazione militare di terra.

L’esercito israeliano può forse occupare la Striscia di Gaza, se sceglie di farlo, essendo un territorio molto piccolo. Tuttavia questo non risolverebbe i problemi del regime.

Richiederebbe un’operazione di polizia permanente che si rivelerebbe un incubo da gestire per Israele: Gaza è molto più ostile e potente ora di quanto non sia mai stata.

Occupare il territorio può essere una tentazione per il gabinetto di Netanyahu per soddisfare l’opinione pubblica israeliana, ma lascerà l’esercito israeliano con un problema più grande di quello con cui è iniziato. Sarebbe un’occupazione estremamente prolungata, da guerriglia continua.

Le stime israeliane suggeriscono che più di 1.000 membri di Hamas si sono infiltrati negli insediamenti confinanti con Gaza dopo aver attraversato il muro di separazione fortemente fortificato sabato mattina, sottolineando la gravità della situazione.

Si è trattata, senza dubbio, di un’operazione palestinese molto ben congegnata.

Jeremy Bash, che è stato capo di stato maggiore sia al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti che alla CIA, ha detto che Israele non ha mai affrontato un’incursione di terra come quella di Hamas sabato.

Parlando alla NBC, ha detto che le cellule di Hamas “sono arrivate in barca, sono arrivate in parapendio, hanno fatto entrambe le cose prima, ma mai prima d’ora sono state in grado di far saltare 15 buchi in una recinzione di confine fortificata ed entrare in Israele su veicoli … attraversate tutti quei villaggi e città lungo la Striscia di Gaza”.

Mentre le sirene e l’ingresso nei rifugi antiaerei non sono una novità per i coloni israeliani.

Ha aggiunto: “Ma mai prima d’ora avevano dovuto fare i conti con un’invasione di terra e un assalto militare da parte di Hamas nelle loro case, nei loro centri comunitari, nei loro villaggi”.

.

.

Israele potrebbe anche decidere che ora è il momento di spingersi nei territori palestinesi e cercare di cacciare i suoi abitanti e costringerli ad andare da qualche altra parte.

Sarebbe, naturalmente, vergognoso, ma in questa fase, gli Stati Uniti e gli altri fedeli alleati di Israele in Occidente non interverranno per impedire al regime di cercare di portarlo avanti.

Il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti ed ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite ha riflettuto lo stato d’animo di Washington dicendo: “L’America ha bisogno di Israele più di quanto Israele abbia bisogno dell’America”.

E ha ragione, Israele è il principale rappresentante di Washington in Asia occidentale e l’elemento destabilizzante numero uno nella regione.

L’esercito israeliano ha una frase per quello che fa a Gaza: “falciare il prato”.

Presumibilmente elimineranno i siti di comando e controllo di Hamas e i siti di stoccaggio delle armi e non si preoccuperanno dei civili che inevitabilmente verrebbero coinvolti nel mezzo del fuoco.

Tuttavia, ci sarebbe inevitabilmente anche un’ulteriore perdita di vite di soldati israeliani in mezzo a pochissima pianificazione israeliana dopo l’operazione palestinese a sorpresa di sabato per le forze del regime per invadere la Striscia di Gaza.

Israele ha già sottovalutato Hamas e la sua capacità organizzativa.

In particolare, l’indubbio massiccio fallimento dell’intelligence di sabato mattina, può permettersi di sottovalutare di nuovo il gruppo con un’invasione di terra?

C’è già molta rabbia israeliana per il fallimento dell’intelligence, con Netanyahu che cerca di spostare la colpa perché alla fine dipende da lui.

Israele ha tagliato le forniture di elettricità alla Striscia di Gaza, ma i palestinesi si sono abituati a lavorare al buio.

In sostanza, in mezzo al monumentale fallimento militare e di intelligence del regime, il bilancio delle vittime tra le truppe israeliane aumenterebbe significativamente con un’invasione di terra.

.

Netanyahu è disposto a correre il rischio?

Submit a Comment