Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Giugno 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

QUESTO QUI FINISCE CHE LO FANNO PAPA

QUESTO QUI FINISCE CHE LO FANNO PAPA

.

Pubblichiamo la traduzione di un articolo apparso sul quotidiano israeliano Haaretz in data 22 maggio a firma di Nir Hasson.

https://www.haaretz.com/middle-east-news/2024-05-22/ty-article/.premium/over-half-of-gazas-christians-have-left-the-church-is-fearful-for-the-communitys-future/0000018f-9f9b-d35f-a1df-dfdbeab70000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

.

Oltre la metà dei cristiani di Gaza sono fuggiti mentre la Chiesa prega per la sopravvivenza di una comunità devastata.

.

Il Patriarca di Gerusalemme ha visitato una chiesa a Gaza per la prima volta dall’inizio della guerra e ha incontrato le famiglie rifugiate in un complesso ecclesiastico: “Non vogliono andarsene, ma sono preoccupati per il futuro e la Chiesa deve trovare soluzioni”, ha detto il Cardinale.

Funzionari della Chiesa cattolica hanno espresso preoccupazione per il futuro della presenza cristiana a Gaza, poiché dall’inizio della guerra il numero dei cristiani a Gaza si è ridotto da 1.700 a 600.

La maggior parte della comunità cristiana è concentrata in due quartieri a Gaza città, mentre diverse decine vivono a Khan Yunis.

.

.

Domenica il Patriarca latino di Gerusalemme, Cardinale Pierbattista Pizzaballa, è tornato per una visita di quattro giorni alla comunità cristiana di Gaza.

È la prima volta dall’inizio della guerra che un funzionario ecclesiastico di così alto livello entra a Gaza.

Lunedì, in un incontro con i giornalisti a Gerusalemme, ha descritto le condizioni di vita della comunità cristiana.

La comunità cristiana a Gaza è divisa in cattolici e greco-ortodossi, con i cattolici che costituiscono il gruppo più numeroso, di circa 450 persone.

Dall’inizio della guerra vivono nel complesso della chiesa della Sacra Famiglia nel centro di Gaza.

Pizzaballa ha detto che quasi tutte le case dei cristiani di Gaza sono state distrutte, quindi alle famiglie sono state date delle stanze nel complesso, e molti di loro vivono nelle aule. “Hanno perso tutto. Ogni classe ospita una o due famiglie”, ha detto.

Altre 150 persone si stanno rifugiando in un altro complesso a Gaza appartenente alla comunità ortodossa, e altri 40-50 cristiani vivono a Khan Yunis, nel sud di Gaza.

.

Dall’inizio della guerra, centinaia di cristiani hanno lasciato Gaza. La Chiesa teme che la maggior parte di loro non ritorni e che altri si uniscano a loro, così che alla fine l’antica presenza cristiana a Gaza verrà spazzata via.

Nella guerra sono stati uccisi 17 cristiani, soprattutto della comunità ortodossa.

A dicembre, due donne cattoliche sono state uccise dal fuoco dell’esercito israeliano contro il complesso della chiesa, un incidente che ha provocato una protesta da parte del Vaticano.

.

Il cardinale Pizzaballa ha affermato che negli ultimi tempi non ci sono stati problemi con l’approvvigionamento alimentare per le persone ospitate nel complesso cattolico, che però soffrono di diversi problemi di salute (soprattutto malattie infettive e malattie della pelle) a causa delle condizioni igieniche e della scarsa qualità dell’acqua. Inoltre, c’è una grave carenza di aiuto emotivo sia per i bambini che per gli adulti.

Il Cardinale ha descritto la situazione nella città circostante come “uno spettacolo molto triste… Tutto è distrutto, è difficile trovare un solo edificio intatto, le persone vivono in rifugi temporanei e c’è molta spazzatura ovunque, tutte le infrastrutture sono distrutte”, ha detto.

E poi: “C’è molta preoccupazione anche per il futuro, per il futuro dei bambini.

Cosa accadrà con il prossimo anno scolastico?

Cosa accadrà e come andrà a finire?”

Pizzaballa ha detto che i bambini che ha visitato vivono in una situazione in cui intorno a loro si verificano continuamente combattimenti.

“Ci sono continui bombardamenti, esplosioni e spari.

Ti senti molto turbato, ma i bambini non reagiscono affatto.

Tutto questo è diventato normale per loro”, ha detto.

Il Patriarca era a Gaza per le vacanze di Pentecoste e ha condotto servizi religiosi nella chiesa di Gaza (e ad Hamas non è passato nemmeno per l’anticamera del cervello di cercare di ostacolarli – NdR).

Rispondendo a una domanda sul futuro della comunità e se gli USA stiano incoraggiando l’emigrazione cristiana da Gaza, Pizzaballa ha detto: “[I cristiani] decideranno da soli, non hanno bisogno di essere portati via da lì, o di essere incoraggiati.

Alcuni se ne sono andati, forse anche altri vorranno andarsene, ma la maggioranza vuole restare.”

“Non vogliono andarsene”, ha aggiunto, “per questo sono preoccupati per il futuro e per la scuola, e questo ci obbliga come Chiesa a trovare soluzioni immediate per loro”.

.

Nelle prossime settimane inizierà un nuovo progetto di collaborazione che coinvolge diverse organizzazioni cristiane, volto a fornire aiuti regolari alle comunità cristiane di Gaza, oltre ad aiutare le famiglie mussulmane della città.

Un funzionario del Patriarcato di Gerusalemme ha affermato che “il Patriarcato farà tutto il possibile per consentire la continua presenza dei cristiani a Gaza e il futuro della comunità lì”.

.

Lo scorso settembre, Papa Francesco ha elevato Pizzaballa al rango di cardinale, il grado più alto nella Chiesa cattolica sotto il Papa.

All’inizio della guerra Pizzaballa si era dichiarato disposto a scambiare se stesso con gli ostaggi israeliani detenuti da Hamas.

Alla conferenza stampa, ha rifiutato di commentare le misure di sicurezza prese per lui durante la sua visita a Gaza.

.

Tel Aviv, 22 maggio

Nir Hasson

Submit a Comment