Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Giugno 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

ISRAELE È PREOCCUPATO PER L’ITALIA

ISRAELE È PREOCCUPATO PER L’ITALIA

.

Pubblichiamo un altro articolo apparso sul quotidiano israeliano Haaretz, in teoria voce della sinistra laburista israeliana, nella pratica piuttosto schizofrenico tra il bisogno di difendere sempre e comunque lo Stato di Israele e le sue azioni e l’orrore di queste ultime che nemmeno i suoi redattori possono negare.

L’articolo che pubblichiamo è comunque lucido e razionale nella sua analisi e nell’attribuire al governo italiano, nel suo servilismo NATO e UE, un inatteso ruolo di indicatore degli umori USA.

Aggiungiamo che, in questi tempi di ricompattamento del Fronte Interno e di approvazione dei crediti di guerra, le sinistre italiane (il cosiddetto centro-sinistra non fa parte di queste) sono obbligate a scegliere se stare dalla parte di Rosa Luxemburg, di Karl Liebknecht (unico a votare contro i crediti di guerra nel 1914), della Conferenza di Zimmerwald e simili o dalla parte degli interventisti quale i cosiddetti socialisti Gustav Noske e Friedrich Ebert che insieme ai Freikorps (embrione delle S.A. naziste) hanno trucidato gli Spartakisti a Berlino nel gennaio del 1919 (Luxemburg e Liebknecht per primi).

Vi è da dire che, essendoci stata la Resistenza ed i suoi conseguenti insegnamenti, i pacifisti di oggi possono essere capaci di difendersi molto meglio dei “candidi ed ingenui” Spartakisti del 1918/19.

Una notizia finale, prima di passare la parola alla signora italiana di religione ebraica Anna Momigliano, su Russia Today (che leggiamo collegandoci a servers di Singapore, Hong Kong e simili) è da un po’ che stanno pubblicando sperticate lodi di Matteo Salvini perché, dal punto di vista russo, sarebbe un attivo pacifista…

Boh?!…

…A questo mondo c’è davvero posto per tutte le opinioni, anche quelle più strane.

.

.

https://www.haaretz.com/israel-news/2024-05-28/ty-article/.premium/is-netanyahu-losing-a-key-right-wing-ally-in-melonis-italy/0000018f-bece-d5c5-a3ff-ffeff8270000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

.

.

Netanyahu sta perdendo un alleato chiave della destra nell’Italia della Meloni?

di Anna Momigliano

Milano

28 maggio 2024

.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni è stato uno dei primi leader mondiali a mostrare sostegno pubblico a Israele dopo il 7 ottobre. Ora anche lei prende le distanze dal suo omologo israeliano Benjamin Netanyahu e parla apertamente di uno Stato palestinese.

MILANO – Mentre in Italia si diffondeva la notizia che un attacco aereo israeliano su Rafah domenica sera aveva ucciso circa 45 Palestinesi in una tendopoli, il ministro della Difesa italiano Guido Crosetto ha lanciato un messaggio forte: “Ho l’impressione che con questa decisione Israele stia seminando un odio che colpirà i suoi figli e nipoti.”

Lunedì, in un’intervista di 15 minuti con il popolare canale di notizie Sky TG24, Crosetto ha colto l’occasione per esprimere le sue critiche non solo all’attacco aereo ma alla direzione più ampia che la campagna militare israeliana ha preso dal 7 ottobre.

“C’è una situazione sempre più difficile in cui il popolo palestinese viene schiacciato [in un’area ristretta] senza alcun riguardo per le drammatiche difficoltà, i bisogni e i diritti delle donne e dei bambini che non hanno nulla a che fare con Hamas”, ha detto. “Questo non può più essere giustificato.”

Sebbene i ministri della Difesa italiani non abbiano in genere lo stesso peso di quelli, ad esempio, in Israele, Crosetto non è una figura marginale nel governo.

È uno dei più stretti alleati, nonché amico personale, del presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Nel 2012 i due fondarono Fratelli d’Italia, il S dalle ceneri del Movimento Sociale Italiano, successore a sua volta del Partito Fascista Repubblicano. (A differenza della Meloni, Crosetto non ha mai fatto parte del e Movimento Sociale).

Dopo aver ottenuto il maggior numero di voti (26%) alle elezioni generali del 2022, Fratelli d’Italia governa ora in coalizione con due partner minori. Secondo gli attuali sondaggi, otterrà il primo posto nelle elezioni del Parlamento europeo dell’8 e 9 giugno.

Crosetto è uno dei membri più influenti del governo, quindi le sue parole non dovrebbero essere prese alla leggera, soprattutto se inserite in un contesto più ampio.

Questa è la prima volta che un alto membro del governo italiano condanna la campagna militare di Israele in termini così espliciti. Ma negli ultimi mesi il governo Meloni – che in precedenza si era posizionato come un fedele alleato del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu – ha segnalato un cambiamento nella sua posizione nei confronti di Israele e dei Palestinesi.

Sabato la Meloni e il ministro degli Esteri Antonio Tajani hanno incontrato il nuovo primo ministro dell’Autorità Palestinese, Mohammad Mustafà, una mossa che i commentatori italiani hanno descritto come intesa a segnalare un’equivalenza tra Israele e Palestinesi.

È stato il primo viaggio di Mustafà in Europa dalla sua nomina, e Meloni e Tajani hanno espresso il loro impegno per un cessate il fuoco sostenibile e la creazione di uno Stato palestinese che riconosca Israele (e viceversa).

Già a marzo la Meloni aveva dichiarato al Senato italiano che il suo gabinetto si opponeva a qualsiasi “azione militare sul campo da parte di Israele a Rafah che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più catastrofiche per i civili ammassati in quella zona”.

Crosetto, nell’intervista rilasciata lunedì a Sky TG24, ha raddoppiato: “Abbiamo detto chiaramente che Israele doveva fermarsi a Rafah perché un’azione militare avrebbe inevitabilmente comportato danni enormi alla popolazione civile. Non ci hanno ascoltato”.

Sempre a marzo, Israele è stato costretto a ritirare il suo candidato ad ambasciatore a Roma, Benny Kashriel, dopo che gli italiani avevano espresso disagio per il fatto che fosse l’ex sindaco dell’insediamento di Ma’aleh Adumim in Cisgiordania.

Quindi il governo Meloni sta scaricando Netanyahu e il suo governo?

E’ troppo presto per dirlo.

Ma quello che è chiaro è che ha dimostrato di sostenere meno incondizionatamente Israele di quanto Israele stesso si sarebbe aspettato.

.

Consapevole della sua ridotta posizione tra i governi liberali e moderati in Occidente, Netanyahu considera da tempo i leader populisti di estrema destra come alleati ideali: da Viktor Orbán in Ungheria e Geert Wilders nei Paesi Bassi, a Javier Milei in Argentina e Narendra Modi in India.

I populisti, dopo tutto, condividono alcune delle convinzioni dell’estrema destra israeliana, tra cui il disprezzo per la maggior parte delle minoranze (soprattutto i musulmani) e la sfiducia nei confronti di un sistema giudiziario indipendente.

Per non parlare del fatto che alcuni estremisti europei di destra, tra cui il partito Alternativa per la Germania, trovano spesso utile schierarsi con Israele per cancellare ogni accusa di antisemitismo.

All’inizio la Meloni sembrava soddisfare tutte queste esigenze. Quando ha prestato giuramento quasi due anni fa, era ansiosa di posizionarsi come filo-israeliana.

“Credo che l’esistenza dello Stato d’Israele sia vitale e Fratelli d’Italia farà ogni sforzo per investire in una maggiore cooperazione tra i nostri paesi”, aveva detto in un’intervista al quotidiano israeliano Israel Hayom.

Nel marzo 2023, ha salutato calorosamente Netanyahu a Roma, promettendo di estendere la cooperazione tra i due paesi.

È anche volata a Tel Aviv subito dopo il 7 ottobre e ha abbracciato Netanyahu in una pubblica dimostrazione di sostegno.

Tuttavia, mentre il bilancio delle vittime a Gaza continua a salire (oltre 36.000 morti tra combattenti e civili, secondo il Ministero della Sanità gestito da Hamas), le azioni di Israele sono diventate sempre più impopolari tra i suoi alleati occidentali (il presidente francese Emmanuel Macron ha twittato lunedì che era “indignato” per l’attacco di Rafah).

A sua volta, il governo Meloni ha visibilmente raffreddato i rapporti con Netanyahu.

.

Questo cambiamento non dovrebbe sorprendere chi abbia familiarità con la politica estera della Meloni, che può essere così riassunta: zero problemi con i principali partner europei; Zero problemi con gli Stati Uniti.

A differenza di altri leader di estrema destra come Orbán, la posizione filo-israeliana della Meloni non derivava da alcun tentativo di formare una sorta di alleanza populista internazionale.

È nata invece dal desiderio di proiettare l’immagine di un partner affidabile per gli americani e l’Unione europea.

Quando si tratta di politica estera, la Meloni vuole che il mondo la veda innanzitutto come una sostenitrice dell’”atlantismo” – l’ideologia che vede l’ordine mondiale come un progetto guidato dagli americani e assistito dall’Europa.

In parte, è una strategia di sopravvivenza.

In un primo momento, l’elezione di Meloni ha suscitato un’ondata di shock a Bruxelles.

Lei a sua volta ha reagito alla sfiducia iniziale degli alleati, rassicurandoli che, nonostante fosse un’ultra conservatrice in politica interna, non avrebbe causato alcun problema a livello internazionale.

“In generale, fin dall’inizio la Meloni ha abbracciato scelte sicure in politica estera, in modo che nessuno potesse dubitare della sua lealtà a Washington e della sua appartenenza all’UE”, dice Jacopo Tondelli, analista politico italiano e caporedattore de Gli Stati – Rivista politica Generale.

“Si è schierata con l’Ucraina e Israele; non ha detto una parolaccia contro l’euro.

Faceva tutto parte della stessa strategia.”

Tondelli rileva inoltre che la Meloni ha mantenuto un profilo relativamente basso sul conflitto israelo-palestinese.

“Lei parla della questione il meno possibile, come fa con molte questioni spinose, ma anche non.

Si schiera con Israele, ma con cautela.”

Secondo lui “è troppo presto per dire se le parole di Crosetto siano l’inizio di un nuovo corso in politica estera.

Solo il tempo lo dirà”.

.

Per Meloni essere filo-israelianoa è sempre stato sinonimo di essere filo-americana e filo-UE.

Se Israele inizia a diventare motivo di imbarazzo o di responsabilità per gli Stati Uniti e le nazioni più potenti d’Europa, la Meloni non avrà problemi a scaricarlo definitivamente.

Submit a Comment