Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Novembre 29, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

DISCORSO DEL SEGRETARIO GENERALE DELL’ONU SULLA GUERRA IN UCRAINA

DISCORSO DEL SEGRETARIO GENERALE DELL’ONU SULLA GUERRA IN UCRAINA

.

https://www.un.org/sg/en/node/262391

.

Pubblichiamo integralmente il discorso di lunedì 14 marzo del Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres.

Il suo stile paratattico è perfettamente consono alla situazione.

Viene espressa molta preoccupazione sia per il rischio di una guerra nucleare che per il rischio di una carestia globale dovuta al tracollo del sistema alimentare e alle interruzioni delle catene di approvvigionamento.

Viene oggettivamente affermato che con i tassi di interesse in aumento, con gli oneri del debito incombenti e con gli aumenti esponenziali dei costi di finanziamento “i paesi in via di sviluppo vengono presi a pugni” (sic).

Ma questo non capita solo ai popoli dei cosiddetti paesi in via di sviluppo…

Quanto sopra viene affermato dall’ONU, non solo da gente come noi, sempre ignorata od oggetto di tentativi di ridicolizzazione da parte dei “mezzi di informazione” che diventano ogni giorno sempre più complici della catastrofe.

Viene inoltre ribadito che per le organizzazioni criminali la guerra è una grande occasione.

Non solo per le cosiddette organizzazioni criminali, aggiungiamo noi.

No further comment.

.

Alzare l’allerta delle forze nucleari russe è uno sviluppo agghiacciante.

La prospettiva di un conflitto nucleare, una volta impensabile, è ora tornata nel regno delle possibilità.

Anche la sicurezza e l’incolumità degli impianti nucleari devono essere preservate.

È tempo di fermare l’orrore scatenato sul popolo ucraino e intraprendere la strada della diplomazia e della pace.

.

L’Ucraina è in fiamme.

Il paese viene decimato davanti agli occhi del mondo.

L’impatto sui civili sta raggiungendo proporzioni terrificanti.

Innumerevoli persone innocenti, comprese donne e bambini, sono state uccise.

Dopo essere stati colpiti dalle forze russe, strade, aeroporti e scuole sono in rovina.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, almeno 24 strutture sanitarie hanno subito attacchi.

Centinaia di migliaia di persone sono senza acqua né elettricità.

Ogni ora che passa, due cose sono sempre più chiare:

  1. La situazione continua a peggiorare.

  2. Qualunque ne sia l’esito, questa guerra non avrà vincitori, solo vinti.

Le Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie stanno lavorando per garantire passaggi sicuri dalle aree assediate e per fornire aiuti laddove la sicurezza della situazione lo consenta.

Più di 600.000 persone hanno ricevuto una qualche forma di aiuto.

Mentre milioni di persone in Ucraina affrontano la fame e le scorte di acqua e medicine si esauriscono, annuncio oggi che le Nazioni Unite stanzieranno altri 40 milioni di dollari dal Fondo centrale di risposta alle emergenze per aumentare l’assistenza vitale per raggiungere i più vulnerabili, mentre aspettiamo per le nazioni a venire.

Questo finanziamento aiuterà a ottenere forniture essenziali di cibo, acqua, medicinali e altri aiuti salvavita nel paese, oltre a fornire assistenza in denaro a chi ne ha bisogno.

Ma le strade dentro e fuori le città circondate sono ogni giorno più precarie.

Sottolineo l’importanza cruciale del rispetto del diritto internazionale umanitario.

Almeno 1,9 milioni di persone sono sfollate all’interno del Paese e un numero crente di persone scappa oltre confine.

Sono profondamente grato per la solidarietà dei vicini dell’Ucraina e degli altri paesi ospitanti, che hanno accolto oltre 2,8 milioni di rifugiati nelle ultime due settimane.

La stragrande maggioranza di coloro che intraprendono il viaggio di fuga sono donne e bambini che sono sempre più vulnerabili.

Per le organizzazioni criminali ed i trafficanti di esseri umani la guerra non è una tragedia.

È un’opportunità.

E le donne ei bambini sono gli obiettivi.

Hanno bisogno di sicurezza e supporto in ogni fase del percorso.

Continuerò a sottolineare la situazione disperata del popolo ucraino, come sto facendo di nuovo oggi.

Eppure c’è un’altra dimensione di questo conflitto che viene oscurata.

Questa guerra va ben oltre l’Ucraina.

È anche un assalto alle persone e ai paesi più vulnerabili del mondo.

Mentre la guerra piove sull’Ucraina, una spada di Damocle incombe sull’economia globale, specialmente nei paesi in via di sviluppo.

Anche prima del conflitto, i paesi in via di sviluppo stavano lottando per riprendersi dalla pandemia, con inflazione record, tassi di interesse in aumento e oneri del debito incombenti.

La loro capacità di risposta è stata cancellata da aumenti esponenziali del costo del finanziamento.

Ora il loro granaio è stato bombardato.

La Russia e l’Ucraina rappresentano più della metà della fornitura mondiale di olio di girasole e circa il 30% del grano mondiale.

L’Ucraina da sola fornisce più della metà della fornitura di grano del Programma alimentare mondiale.

I prezzi di cibo, carburante e fertilizzanti sono alle stelle. Le catene di approvvigionamento vengono interrotte. E i costi e i ritardi di trasporto delle merci importate – quando disponibili – sono a livelli record.

Tutto questo sta colpendo più duramente i più poveri e sta piantando i semi dell’instabilità politica e dei disordini in tutto il mondo.

I prezzi dei cereali hanno già superato quelli dell’inizio della Primavera Araba e delle rivolte per il cibo del 2007-2008.

L’indice globale dei prezzi alimentari della FAO è al livello più alto di sempre.

Quarantacinque paesi africani e meno sviluppati importano almeno un terzo del loro grano dall’Ucraina o dalla Russia: 18 di questi paesi importano almeno il 50%.

Tra questi paesi come Burkina Faso, Egitto, Repubblica Democratica del Congo, Libano, Libia, Somalia, Sudan e Yemen.

Dobbiamo fare tutto il possibile per scongiurare un uragano di fame e un tracollo del sistema alimentare globale.

 Inoltre, stiamo vedendo prove evidenti di questa guerra che sottrae risorse e attenzione ad altri punti problematici in un disperato bisogno.

Rinnovo il mio appello affinché i paesi trovino modi creativi per finanziare l’aumento dei bisogni umanitari e di ripresa dello sviluppo in tutto il mondo, e di donare generosamente e di rilasciare immediatamente i fondi promessi.

Il mio appello ai leader è di resistere alla tentazione di aumentare i budget militari a spese dell’aiuto pubblico allo sviluppo e dell’azione per il clima.

In una parola, i paesi in via di sviluppo vengono presi a pugni.

Stanno affrontando una raffica di crisi – al di là della guerra in Ucraina, non possiamo dimenticare il COVID e gli impatti dei cambiamenti climatici – in particolare, la siccità.

Sullo sfondo di queste immense sfide interconnesse, annuncio oggi l’istituzione di un Gruppo di risposta alle crisi globali su cibo, energia e finanza presso il Segretariato delle Nazioni Unite.

Ho anche chiesto al vicesegretario generale di guidare un comitato direttivo con le varie agenzie per supervisionare questo sforzo.

Nei prossimi giorni ci consulteremo con gli Stati membri disposti a sostenere le azioni necessarie per portare avanti la risposta all’emergenza globale che sarà necessaria per queste crisi incombenti.

Non bisogna commettere errori: le persone comuni, in particolare donne e bambini, subiranno il peso maggiore di questa tragedia in corso.

La guerra mostra anche come la dipendenza globale dai combustibili fossili stia mettendo la sicurezza energetica, l’azione per il clima e l’intera economia globale alla mercé della geopolitica.

Infine, un’ulteriore escalation della guerra, accidentale o intenzionale, minaccia l’intera umanità.

Alzare l’allerta delle forze nucleari russe è uno sviluppo agghiacciante.

La prospettiva di un conflitto nucleare, una volta impensabile, è ora tornata nel regno delle possibilità.

Anche la sicurezza e l’incolumità degli impianti nucleari devono essere preservate.

È tempo di fermare l’orrore scatenato sul popolo ucraino e intraprendere la strada della diplomazia e della pace.

Sono stato in stretto contatto con diversi paesi – tra cui Cina, Francia, Germania, India, Israele e Turchia – sugli sforzi di mediazione per porre fine a questa guerra.

Gli appelli per la pace devono essere ascoltati.

Questa tragedia deve finire.

Non è mai troppo tardi per la diplomazia e il dialogo.

Abbiamo bisogno di una cessazione immediata delle ostilità e di seri negoziati basati sui principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.

Abbiamo bisogno di pace.

Pace per il popolo ucraino.

Pace per il mondo.

Abbiamo bisogno di pace ora.

Grazie

António Guterres

[/one_fifth_last]

Submit a Comment