Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Giugno 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

“CONTROFFENSIVA UCRAINA”: MITO O REALTÂ?

“CONTROFFENSIVA UCRAINA”: MITO O REALTÂ?

.

Un articolo di William Scott Ritter, ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines durante la Guerra del Golfo, ex-ispettore della Commissione speciale delle Nazioni Unite (UNSCOM) per la ricerca di armi di distruzione di massa in Iraq (da cui si è dimesso per protesta nel 1998) ed ex-collaboratore dell’agenzia di spionaggio del Regno Unito MI6.

Si tratta quindi di una persona professionalmente molto esperta circa il funzionamento dei “Servizi” e sui modi con cui questi manipolano la realtà e costruiscono “bufale”, o “fake news”, che poi il sistema mediatico diffonde alla MinCulPop e cerca di fare credere che siano vere.

Anche lui, come è avvenuto a Julian Assange, è stato incriminato (ma forse sarebbe meglio dire “incastrato”) per presunti crimini sessuali, che nel suo caso sarebbero stati la partecipazione ad una “chat” dove un agente di polizia aveva “fatto finta di essere una donna che fingeva di essere una minorenne” (sic), e si è fatto due anni e mezzo di galera.

Senza entrare nel merito delle accuse, risulta comunque evidente come sia troppo frequente l’attribuzione del termine di “criminale sessuale” da parte del sistema, mediatico e non solo, a persone che riescono a diffondere verità scomode e come in questo modo si cerchi di screditarle completamente (insieme alle informazioni da loro fornite, ovviamente).

.

Pubblichiamo integralmente questo articolo apparso il 15 maggio sul giornale “on line” russo Sputnik-News che nell’Unione Europea non è più possibile leggere a meno di non essere in grado di connettersi ad un server di un paese neutrale.

Da dove si trova ora il redattore di queste note, in Iraq (bravissima gente lavoratrice da queste parti, in cui abbiamo notato una forte affinità con la nostra cosiddetta “generazione del ‘45”), invece non ci sono restrizioni per riuscire a connettersi e a leggerlo (l’unico problema può solo essere il Wi-Fi che funziona un po’ di schifo).

Siamo ridotti al punto che ormai l’Unione Europea, a proposito della libertà di informazione, dovrebbe prendere lezioni dagli sciti irakeni…

.

In ogni modo ora vi lasciamo leggere l’articolo del signor Scott Ritter.

.

Karbala (Iraq), 18 maggio 2023

Marco Brusa

.

https://sputnikglobe.com/20230515/scott-ritter-ukraines-counteroffensive—myth-or-reality-1110370203.html

.

“CONTROFFENSIVA UCRAINA”: MITO O REALTÂ?

.

Ci avviciniamo alla seconda metà di maggio e la domanda nella mente di tutti è “dov’è la grande controffensiva ucraina”?

Questo tanto pubblicizzato evento si è diffuso nei principali media occidentali e nei canali dei social media dall’autunno del 2022, quando il comandante generale delle forze armate ucraine, Valeri Zaluzhnyi, ha informato Stati Uniti e NATO, durante un incontro a Ramstein in Germania, sulla lista dell’equipaggiamento militare di cui l’Ucraina avrebbe bisogno per portare a termine con successo un’operazione offensiva per espellere le truppe russe.

Da quel momento, l’Occidente ha fatto gli straordinari per fornire gran parte di questo supporto materiale, insieme all’addestramento necessario alle truppe ucraine per impiegarlo, utilizzando la dottrina operativa e tattica offensiva combinata standard della NATO.

Jens Stoltenberg, il segretario generale della NATO, ha annunciato alla fine di aprile 2023 che la NATO aveva consegnato oltre il 98% dell’equipaggiamento promesso all’Ucraina lo scorso autunno, inclusi oltre 1.550 veicoli corazzati, 230 carri armati e “vaste” quantità di munizioni, tra cui, controverso, le munizioni all’uranio impoverito utilizzate nei principali carri armati britannici Challenger 2 e il missile da crociera “Storm Shadow” fornito dalla Gran Bretagna.

La NATO, ha affermato Stoltenberg, ha anche fornito addestramento a oltre 30.000 soldati, consentendo all’Ucraina di formare nove nuove brigate di forze da combattimento in grado di sferrare colpi punitivi contro l’esercito russo in Ucraina.

.

Non c’è fretta.

Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, mentre l’esercito ucraino dispone di truppe abbastanza addestrate per effettuare una controffensiva contro la Russia, parte dell’equipaggiamento necessario a queste truppe non è ancora arrivato in Ucraina.

L’Ucraina, ha detto Zelensky, ha bisogno di più tempo per portare a termine qualsiasi operazione offensiva importante.

Il presidente ucraino è attualmente in tournée in Europa, dove sta facendo pressioni sui suoi alleati della NATO per ulteriori aiuti militari.

Stati Uniti, Germania e Francia hanno tutti promesso di aumentare la quantità di assistenza militare all’Ucraina.

La domanda che rimane è quando l’Ucraina crederà di avere forze sufficienti per condurre con successo un’operazione offensiva?

La risposta più probabile è: “mai”.

.

Lo standard utilizzato per misurare il successo o il fallimento di un qualsiasi attacco ucraino è irrealisticamente alto: l’offensiva di Kharkov del settembre 2022.

In quel caso l’Ucraina è stata in grado di sfruttare le posizioni difensive russe che erano inadeguatamente presidiate, non sufficientemente preparate e prive di una profondità significativa.

Scegliendo di cedere terreno per salvare vite umane, l’esercito russo ha deciso di ritirarsi, consentendo all’Ucraina di ottenere un’importante vittoria propagandistica pur ottenendo uno scarso vantaggio militare.

L’Ucraina ha condotto un’operazione altrettanto riuscita contro la riva destra di Kherson, dove ancora una volta la Russia ha ritirato circa 30.000 uomini per evitare perdite elevate che sarebbero state inevitabili se avesse scelto di difendere un territorio in gran parte indifendibile.

Le nove brigate ucraine che la NATO ha aiutato ad addestrare ed equipaggiare sono più capaci delle forze addestrate dalla NATO che l’Ucraina ha usato a Kharkov e Kherson.

Ma lo sono anche le forze russe che le affrontano.

Dopo le sconfitte delle operazioni di Kharkov e Kherson, la Russia ha condotto una parziale mobilitazione di circa 300.000 soldati che, insieme a una parallela mobilitazione di volontari, ha aumentato il numero delle forze a disposizione del comando russo a circa 700.000 uomini.

Queste truppe hanno, per la maggior parte, completato il loro addestramento e sono già state impegnate in prima linea o sono tenute in riserva per future operazioni militari.

Le posizioni difensive russe sono state preparate in accordo con la dottrina russa, sia in termini di densità sulla linea di contatto, fornitura di sufficiente supporto di fuoco, sia preparazione della seconda e terza linea di difesa per contrastare qualsiasi potenziale sfondamento ucraino.

In breve, se l’Ucraina attacca, si imbatterà in una barriera d’acciaio molto diversa da quella che ha affrontato nell’autunno del 2022.

Inoltre, la Russia si è ulteriormente adattata alle realtà del moderno campo di battaglia.

L’uso da parte dell’Ucraina di sistemi di artiglieria forniti dagli Stati Uniti, inclusi i razzi di artiglieria HIMARS, è stato in gran parte contrastato dal miglioramento dell’arte operativa russa, progettata per ridurre i potenziali obiettivi per HIMARS, da nuove azioni tattiche, come l’impiego della guerra elettronica progettata per bloccare il GPS utilizzato dagli HIMARS per puntare il loro obiettivo e da migliori capacità di difesa aerea che finiscono per abbattere la maggior parte dei razzi HIMARS lanciati dall’Ucraina.

.

Allo stesso modo, la Russia ha migliorato l’uso dei droni “Kamikaze”, in particolare del sistema “Lancet”, per dare la caccia e distruggere l’hardware militare ucraino critico e le capacità di comando e controllo.

Allo stesso modo, la Russia ha incorporato nuove tecnologie proprie, compreso l’impiego di “bombe plananti” a guida di precisione che sono state utilizzate con effetti devastanti contro le concentrazioni di truppe ucraine.

Allo stesso modo, l’aeronautica e la marina russe sono state molto efficaci nell’effettuare attacchi punitivi contro depositi di armi e logistica ucraini nelle retrovie ucraine utilizzando droni a lungo raggio e missili a guida di precisione, distruggendo gli stessi depositi di munizioni e carburante di cui l’Ucraina ha bisogno per qualsiasi attacco militare significativo e prolungato.

Se si considerano anche le continue carenze che l’Ucraina ha per quanto riguarda i proiettili di artiglieria e i sistemi di difesa aerea, è difficile vedere come l’Ucraina potrebbe essere in grado di condurre con successo un attacco contro le forze russe allo stato attuale delle cose.

Il conflitto ucraino ha colto di sorpresa gli Stati Uniti e la NATO in termini di intensità e letalità, entrambe le quali, in fin dei conti, corrispondono al costo di una guerra moderna in termini economici, materiali e di vite umane.

Mentre il costo della guerra è una strada a doppio senso, il che significa che anche la Russia sta subendo un enorme tributo umano ed economico, la domanda finale è qual è la soglia del dolore collettivo dell’Occidente?

Mentre il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha notato un anno fa che l’obiettivo degli Stati Uniti in Ucraina era quello di infliggere alla Russia una sofferenza di tale intensità da scoraggiare qualsiasi futuro atto di “aggressione” russa in Europa; ora sta diventando chiaro che sono gli Stati Uniti che stanno iniziando a sentire il colpo, sia in termini di impatto che il continuo sostegno all’Ucraina ha avuto sulla loro preparazione militare, sia in termini di alto costo per garantire la capacità dell’Ucraina di sostenere questa guerra, che è attualmente stimato essere di più di $ 130 miliardi in aumento.

.

Mentre il presidente Joe Biden inizia la sua campagna per la rielezione, le conseguenze politiche interne di un conflitto “congelato” in Ucraina, che continua a prosciugare le risorse militari ed economiche degli Stati Uniti, diventeranno una responsabilità politica.

Mentre Volodymyr Zelensky cerca più tempo per prepararsi a una controffensiva, il tempo non è dalla parte del sostenitore numero uno dell’Ucraina.

Alla fine l’Ucraina subirà pressioni dagli Stati Uniti per effettuare un attacco decisivo contro la Russia che semplicemente non può portare a termine.

Le 30.000 truppe che l’Ucraina ha accuratamente accumulato andranno perdute combattendo un esercito russo che è più che in grado di gestire qualsiasi cosa l’Ucraina mandi sul suo cammino.

Questo non significa che l’Ucraina non otterrà un momentaneo vantaggio tattico su piccole porzioni del campo di battaglia, o che la Russia non subirà perdite.

Ma alla fine la Russia è molto più preparata a gestire le conseguenze di una controffensiva ucraina di quanto non lo siano l’Ucraina e la NATO, se e quando alla fine questa si verificherà.

.

15 maggio 2023

Scott Ritter

Submit a Comment