Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Marzo 4, 2024

Scroll to top

Top

One Comment

ANCORA SU PALASPORT E GAMEC

ANCORA SU PALASPORT E GAMEC

.

Ovvero: come la speculazione annienta la cultura e gonfia lo spettacolo da circo.

.

Leggete con attenzione gli ultimi articoli pubblicati dai giornali locali sull’argomento.

Contengono non solo molte “informazioni” inesatte ma comunicano esattamente il livello di servilismo a cui si è piegata la stampa cittadina.

Per prima cosa si dice che il palasport della città, sarà sostituito dal “nuovo Palazzo dello Sport che sorgerà al posto del Palacreberg e dall’Arena da 6500 posti in fase di costruzione nel nuovo complesso Chorus Life”.

Ora queste sono due strutture diverse.

.

.

L’obiettivo era lo spostamento dell’impianto sportivo a costo zero a carico dei promotori del Corus Life. Obiettivo mancato in quanto l’ultima convenzione lascia al comune un uso residuale di questa struttura che è stata quindi praticamente lasciata quasi esclusivamente all’uso del privato.

Privato che ha beneficiato di una colata di cemento al fine di ottenere il benefit per i cittadini di un nuovo palazzetto dello sport (tra l’altro da subito contestato per la sua filosofia da tutte le società sportive) che ora non c’è semplicemente più, in quanto diventato pressoché unicamente di uso privato.

In secondo luogo non si ha nemmeno il coraggio di dire chi sono i beneficiari di questo ecomostro fallimentare (per il pubblico) in corso di realizzazione tra via Serassi e via Bianzana.

È un segreto di pulcinella che dietro il “Gruppo Costim” si nascondano Percassi e i Bosatelli (i padroni della Gewiss).

Quindi siamo alle solite Calimero/Gori che dall’operazione ne trarranno grandi profitti con pochi benefici reali per la cittadinanza.

.

.

Sulla vicenda Palacreberg, che verrà rifatto demolendo una struttura non ancora ammortizzata, solo per sostituire negli usi pubblici quelli che non ci saranno nel palazzetto al Corus Life caliamo un penoso silenzio.

Un enorme sperpero di risorse pubbliche.

In sostanza una Caporetto amministrativa di portata epocale.

Ma ora si svelano i dettagli della nuova Gamec.

E quindi scopriamo che sarà realizzato uno spazio commerciale (leggi supermercato) che si affaccia verso quello che è destinato a divenire lo studentato dell’area Montelungo-Colleoni.

Mentre all’ultimo piano sarà ricavato un volume che ospita un ristorante panoramico, accessibile dall’esterno (udite, udite) anche quando il museo è chiuso.

Il tutto nell’acquiescenza del PD e relativi cespugli (nemmeno quelli sinistri) che nulla hanno da rimarcare su questa ennesima porcata

Cosa centri tutto questo con la cultura immaginatevelo voi…

.

Bergamo, 02 ottobre 2023

Francesco Macario – Ex-assessore all’Edilizia Privata nella Giunta Bruni

Comments

  1. Paolo Pantini

    Concordo pienamente! E che dire dei tanti soldi pubblici spesi per l’inutile riallestimento della Carrara pochi anni dopo la sua ristrutturazione quando tutti erano alle prese con la grave crisi economica post Covid.

Submit a Comment