Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Bergamo in Comune | Novembre 29, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

ALTRO CHE TERMOSIFONE: I POVERI SI SCALDANO SOFFIANDOSI SULLE MANI

ALTRO CHE TERMOSIFONE: I POVERI SI SCALDANO SOFFIANDOSI SULLE MANI

“Preferiamo la pace oppure rimanere tranquilli con il termosifone acceso anzi ormai con l’aria condizionata accesa?”.

In questa frase di Draghi c’è tutto il menefreghismo dei ricchi, di cui il banchiere è espressione massima, verso i poveri, i lavoratori, i pensionati, insomma i proletari, per usare una nobile parola antica ma ancora attuale, del nostro Paese.

.

L’illustrissimo dr. Mario Draghi, prima di parlare, farebbe bene a guardare la condizione sociale delle classi popolari. Si accorgerebbe allora che nel Paese, l’Italia, dove 51 oligarchi detengono gran parte del reddito nazionale, moltissime persone che hanno perso il lavoro, che hanno salari di sussistenza, che ormai non riescono ad arrivare nemmeno alla prima settimana del mese, da tempo sono costrette a razionare il gas e a scaldarsi ad intermittenza, perché non riescono più a pagare le bollette. I più sfortunati poi il gas se lo sono visti tagliare da mò dall’impresa energetica di turno.

Saranno queste persone, saremo noi che viviamo del nostro lavoro, con salari sempre più miseri, che pagheranno/pagheremo lo scotto maggiore della guerra, della mancanza di forniture di gas dalla Russia, dell’arrivo del gas liquefatto degli Usa, che per essere rigasificato ci costerà molto di più in termini economici, ambientali e sociali.

Mentre la Russia si limiterà a spostare i rubinetti dal mercato occidentale a quello asiatico di India e Cina, con buona pace della pace.

Mentre i ricchi, gli oligarchi di casa nostra, come i loro omologhi russi, non avranno alcun effetto negativo sulla propria qualità di vita.

Mentre noi dovremo scegliere se sfamare, riscaldare e curare la nostra famiglia e noi, i ricchi – quelli come Draghi e Briatore – rinunceranno al massimo ad una tartina di caviale e potranno svernare nelle loro lussuose ville in Costa Azzurra o in Costa Smeralda (magari avendo come vicino di casa proprio qualche “simpatico” oligarca russo con cui scambiare quattro chiacchiere sull’ avidità dei poveri che vogliono “la guerra per il termosifone”).

.

FATE SCHIFO

.

Marco Sironi

Submit a Comment